Domenica 17 Ottobre20:44:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini Calcio, due maglie personalizzate e un pallone per Tamim

Vista di una delegazione biancorossa al reparto di chirurgia pediatrica. Gadget per gli altri ricoverati

Sport Rimini | 18:02 - 17 Settembre 2021 Rimini Calcio, due maglie personalizzate e un pallone per Tamim


Il Rimini Calcio in mattinata con una rappresentanza biancorossa, ha incontrato all’ Ospedale Infermi di Rimini, il piccolo Tamim, vittima la scorsa settimana di una violenta aggressione che lo ha costretto ad un delicato intervento chirurgico. La società ha voluto così testimoniare la sua vicinanza allo sfortunato ragazzino portando la solidarietà di squadra (presenti gli atleti Germinale, Gabbianelli, Tonelli, Pecci e Marietta), staff tecnico e di tutti i dirigenti, donando a Tamim e al fratellino Tahsan due maglie personalizzate ed un pallone firmato da tutti i componenti della rosa. Diversi gadget biancorossi da distribuire anche gli altri piccoli degenti ricoverati sono stati consegnati al personale del reparto di chirurgia pediatrica .
Quello di oggi è stato solo il primo passo di un percorso che la Società biancorossa vuole intraprendere per alleviare le sofferenze dei bambin ipiù sfortunati, utilizzando i valori dello sport e del calcio in particolare.

“Siamo molto grati – afferma il Dott. Vincenzo Domenichelli, direttore dell’UO di Chirurgia pediatrica – alla squadra di calcio e alla dirigenza sportiva del Rimini FC, per la sensibilità e l’attenzione che hanno manifestato, con questa  donazione, molto importante anche comesupporto utile a superare  la dolorosa esperienza che Tamim e la sua famiglia hanno vissuto in questi giorni”.

Anche la direzione sanitaria ospedaliera, nella persona della dott.ssa Francesca Raggi, ha espresso parole di gratitudine durante la cerimonia di consegna, nei riguardi della squadra di calcio e di quanti si sono adoperati per alleviare il peso di un momento così drammatico che per fortuna, oggi, è divenuto una storia a lieto fine, grazie all’impegno di tutti, professionisti, istituzioni e società civile.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >