Marted́ 21 Settembre15:14:48
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ottimo esordio per il riminese Alessio Crociani alla World Triathlon Cup in Repubblica Ceca

Crociani ha concluso al 20esimo posto dopo essere stato protagonista delle prime due frazioni

Sport Rimini | 09:06 - 14 Settembre 2021 Alessio Crociani - foto World Triathlon Janes M. Schmidt Alessio Crociani - foto World Triathlon Janes M. Schmidt.

Domenica 12 settembre si è svolta la World Triathlon Cup di Karlovy Vary in Repubblica Ceca, circuito mondiale su distanza olimpica. Il riminese Alessio Crociani (G.S. Fiamme Azzurre), classe 2001, al debutto nella competizione, ha concluso al 20esimo posto dopo essere stato protagonista assoluto delle prime due frazioni: terzo dopo il nuoto, primo all’uscita della T2, cala nella corsa finendo comunque tra i primi 20.
"Possiamo essere soddisfatti di questa trasferta" dice Massimiliano Di Luca, tecnico del programma Sviluppo Italia che ha supportato gli Azzurri in Repubblica Ceca" da rimarcare la gara di grande personalità del giovane Crociani, autore di un esordio in World Cup davvero incoraggiante".

Tra le donne ottimo risultato dell'italiana  Bianca Seregni (DDS-7MP) che ha conquistato uno straordinario terzo posto.

La cronaca della gara

Uomini
Strada bagnata, meteo nuvoloso con temperatura intorno ai 15°C per la gara maschile. Crociani 3 dopo nuoto, in fuga con con Devay, Hojo e Silva appena completata la prima transizione; Stateff tra i primi inseguitori a 24 secondi, Azzano nel terzo gruppo, il più numeroso a 34 secondi, Sarzilla a 44 secondi, Uccellari a 1’04”. Dopo la prima fase del segmento di ciclismo, i quattro davanti con Crociani si assestano a 45 secondi dagli inseguitori con Azzano, Sarzilla, Uccellari e Stateff, rimasto per diversi chilometri da solo prima di essere inglobato nel drappello composto da una trentina di atleti. I fuggitivi mantengono il vantaggio fino alla T2, i 25 inseguitori con Stateff e Azzano cambiano con 40 secondi; si ritira Uccellari mentre Sarzilla perde contatto dal gruppo a causa di un problema meccanico. Crociani è il prima ad iniziare i 10 km di corsa, tallonato dal giapponese Hojo e dall’ungherese Devay; dietro Stateff e Azzano effettuano un ottima transizione (5° e 7°) e iniziano la frazione finale con un ottimo ritmo. Azzano tiene duro e prova a difendere la top-10, ma chiude 13°, Sarzilla risale sino alla 18^ posizione con un ottima frazione run mentre Crociani cala nel finale e termina al 20° posto la sua prima gara in Coppa del Mondo. Stateff si ferma a metà della frazione di corsa.

Donne
Atlete italiane protagoniste della prima frazione con Seregni che esce per prima dall’acqua davanti a Iogna-Prat, Spimi e Missaglia. Sono proprio queste tre azzurre a tentare la fuga in bici assieme alla britannica Alden, con Seregni che perde qualche secondo e viene riassorbita dal gruppo delle inseguitrici. Le quattro davanti entrano nel circuito ciclistico cittadino con 30 secondi di vantaggio sul drappello alle loro spalle di una quindicina di unità. Nel corso del terzo dei sette giri previsti, la fuga viene annullata e i primi due drappelli di compattano. Le quattro azzurre sono molto attente, sempre protagoniste della seconda frazione ed entrano in T2 con la possibilità di lottare per le posizioni di vertice della classifica finale. Bianca Seregni dimostra di essere in grande giornata e prende la testa in coppia con l’elvetica Derron. L’azzurra, seppur debuttante, non ha alcun timore e continua a lottare per la vittoria: la svizzera, però, riesce a staccarla, mentre da dietro rientra l’esperta Ueda ma per Bianca, arriva un terzo posto che vale oro. Bene anche Iogna-Prat, che conclude al 10° posto, poco più indietro la debuttante Spimi, 12^, mentre Missaglia, seppur in preda ai crampi, è stata tenace ed ha concluso in 17^ posizione.

Qui tutte le info sulla gara

 

< Articolo precedente Articolo successivo >