Venerd́ 15 Ottobre22:42:57
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

L'oro di Giovanni, cresce l'attesa per la mostra dedicata a Giovanni da Rimini

Dal 18 settembre al 7 novembre a palazzo Buonadrata torna protagonista il 300 riminese

Eventi Rimini | 11:00 - 13 Settembre 2021 La croce di Mercatello in fase di restauro La croce di Mercatello in fase di restauro.

Si avvicina l’appuntamento con la mostra dedicata a Giovanni da Rimini, in programma a Rimini da sabato 18 settembre a domenica 7 novembre a Palazzo Buonadrata.

L’oro di Giovanni. Il restauro della Croce di Mercatello e il Trecento riminese vedrà al centro dell’attenzione la maestosa e antica croce della chiesa di San Francesco a Mercatello, unica opera datata e firmata dal capostipite della Scuola Riminese del Trecento, reduce dal restauro di questi mesi e che sarà nuovamente a Rimini dopo oltre 85 anni.

L’occasione dello spostamento dell’opera dalla sede originale ha reso possibile il suo temporaneo ritorno, nella città natale del pittore, dove non era più stata esposta dal 1935, anno della prima grande mostra sul Trecento riminese curata da Cesare Brandi.

La Croce, inoltre, non ha ricevuto interventi di restauro significativi dal 1966, quando si trovò coinvolta nell’alluvione di Firenze, dove era occasionalmente custodita proprio per alcuni interventi conservativi.

L’evento si pone al centro di un rinnovato interesse per la Scuola Riminese del Trecento e in particolare per il capostipite Giovanni, testimoniato anche dall’importante acquisizione della tavola appartenuta al Duca di Northumberland, ora alla National Gallery (e delle mostre di Londra e Roma che ne sono seguite nel 2017), dal film di Davide Montecchi “In difesa delle immagini sacre” del 2018 dedicato alla cosiddetta Scuola riminese, e dalla campagna fotografica e dagli studi recentemente pubblicati sul ciclo di affreschi di Sant’Agostino, che ha in Giovanni uno dei massimi protagonisti (Il Trecento riscoperto. Gli affreschi di Sant’Agostino a Rimini, a cura di D. Benati, col contributo di A. Paolucci e A. Giovanardi, Silvana 2019). L’allestimento dell’esposizione è curato dal Laboratorio Maurizio Morini.

All’opera di Mercatello si affiancheranno la croce dipinta della chiesa di San Lorenzo a Talamello, il più piccolo crocifisso ‘Diotallevi’ dei Musei Comunali di Rimini, la croce sagomata dell’Antiquario Moretti di Firenze, il crocifisso Spina del maestro di Montefiore e la testa di Giuliano da Rimini, questi due ultimi di proprietà della Fondazione stessa e in deposito nei Musei Comunali. 

Sarà un evento davvero emozionante”, promette Mauro Ioli, Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini, che sottolinea il ruolo particolare di Crédit Agricole Italia e dell’Associazione regionale delle Fondazioni bancarie nel sostenere e rendere possibile l’esposizione.

Per la giornata inaugurale del 18 settembre sono previste visite guidate gratuite alle 16.00 e alle 17.00. Chi fosse interessato dovrà prenotarsi sulla pagina web dedicata alla mostra - www.artecultura-fondcarim.it – o telefonare al numero 0541.351611. Posti disponibili fino ad esaurimento nel rispetto delle normative anti Covid. L’ingresso alla mostra, aperta tutti i giorni dalle 10.30 alle 18.30, è libero. L’accesso è consentito previa presentazione del green pass.

La mostra è promossa da Fondazione Cassa di Risparmio di Rimini e da Soroptimist Rimini, e organizzata dall’Istituto Superiore di Scienze Religiose A. Marvelli.

Oltre a Crédit Agricole e Associazione tra Fondazioni di origine bancaria dell’Emilia Romagna, sostengono l’evento anche Fondazione Ordine dei Commercialisti Rimini, Digitalprint e Ikuvium.

I patrocini sono della Regione Emilia Romagna, del Servizio Patrimonio culturale regionale, e del Comune di Rimini.
   

< Articolo precedente Articolo successivo >