Giovedý 23 Settembre04:15:32
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Il ricercatore riminese Stefano Sacanna tra gli inventori della prima cellula sintetica

L'ha paragonata a Pac-Man, il personaggio del celebre videogioco

Attualità Rimini | 18:41 - 11 Settembre 2021 Stefano Sacanna Stefano Sacanna.

Il riminese Stefano Sacanna, 45enne che dal 2007 lavora negli Stati Uniti nella New York University, è nel team di ricercatori che ha ideato la prima cellula sintetica del mondo. Si tratta di una cellula capace di inglobare molecole nutrienti oppure sostanze nocive, imprigionandole al suo interno per liberarle. Imitando uno dei processi fondamentali delle cellule viventi, potrebbe essere impiegata per depurare acque e terreni da sostanze nocive, oppure essere impiegata per somministrare farmaci. Il suo ideatore, nel descriverla, ha usato una metafora "geek": celllule come minuscoli Pac-man, il personaggio del celebre videogioco anni '80. La ricerca sulla cellula "pac man" è stata pubblicata sulla rivista Nature. La cellula ha le dimensioni di un globulo rosso ed è avvolta da una membrana fatta di un polimero. Su quest'ultima i ricercatori hanno praticato un minuscolo foro, imitando i canali che attraversano la membrana delle cellule viventi, permettendo loro di inglobare sostanze nutrienti e di espellere i rifiuti.



 

< Articolo precedente Articolo successivo >