Domenica 26 Settembre06:50:39
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Per il quarto anno Rimini e Riccione riconosciuti come "comuni ciclabili"

Per Rimini il premio a ridosso della nuova edizione dell'Italian Bike Festival

Attualità Rimini | 13:57 - 10 Settembre 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Rimini e Riccione confermano per il quarto anno consecutivo il titolo di comune ciclabile Fiab. I riconoscimenti sono stati consegnati questa mattina (venerdì 10 settembre) a Cervia. 

Il Comune di Rimini ha ricevuto il riconoscimento confermando una valutazione di “4 bike smile”, sulla base di quattro requisiti: “mobilità urbana” (ciclabili urbane/infrastrutture e moderazione traffico e velocità), “governance” (politiche di mobilità urbana e servizi), “comunicazione & promozione” e “cicloturismo”. "È stato premiato l’investimento per la realizzazione di nuove infrastrutture, con l’ampliamento della rete ciclopedonale e la pedonalizzazione del lungomare, mentre sul fronte della governance è stato riconosciuto il potenziamento dei servizi come la velostazione", spiega l'amministrazione comunale.  

Infine, per il capitolo comunicazione una menzione è andata al progetto di promozione dell’utilizzo delle cargo bike, i tre mezzi acquistati dal Comune di Rimini e attualmente disponibili alla velostazione, noleggiabili gratuitamente per 15 giorni. Un progetto che vive uno dei suoi momenti più attesi proprio questo week end, in occasione dell’Italian Bike Festival, con 'CargoBike Revolution', una pedalata nella città con partenza e arrivo al villaggio di piazzale Fellini.  

Riccione ha invece ricevuto una valutazione di tre biciclette. Per l'occasione l'amministrazione comunale ha fatto il punto sulla rete delle ciclabili cittadini. Nella Perla Verde a fine anno il percorso totale sarà di 37,380 chilometri, era di 35,400 nel 2021. Nel 2021 sono ben 7 le piste ciclabili realizzate o in corso di realizzazione. Tra i percorsi terminati c’è la ciclabile lunga 600 metri di viale da Verazzano che collega la Statale 16 al mare con una parte in sede separata e protetta dal resto della carreggiata e l’altra in corsia ciclabile. In fase di ultimazione una pista ciclabile, da viale Vittorio Emanuele II a viale Romagna per una lunghezza di 1000 metri, di collegamento alle piste esistenti di viale Ceccarini, parco della Resistenza e centro sportivo. "Si tratta di un lavoro importante per la sua funzione di ricucitura con la rete ciclabile che arriva a viale Veneto, quartiere San Lorenzo, ai confini di Riccione", spiega l'amministrazione comunale. In secondo luogo questa pista collega la Sede Comunale e il quartiere Centro Studi di viale Ferrara che conta giornalmente il transito di oltre 2000 studenti diretti agli Istituti superiori Alberghiero, Artistico e Liceo Volta. Un’altra ciclabile, unidirezionale, verrà realizzata da via Castrocaro a via Romagna, sarà unidirezionale su corsia carrabile.

In prospettiva futura, ai nastri di partenza 4 nuove piste: in viale Finale Ligure per 720 metri, viale Bologna 600 metri, viale Cortemaggiore 500 metri e un tratto da viale Bologna al Parco della Resistenza per 400 metri. La creazione di queste piste è stata concepita per dar luogo ad un asse longitudinale di collegamento con il porto, il parco della Resistenza e il centro sportivo.

Tra le piste già realizzate, la ciclabile di viale Veneto lunga circa 3 chilometri di raccordo tra la zona a monte della Statale 16 e il centro sportivo, quella del quartiere Raibano lunga 350 metri, un’altra in viale D’Annunzio per 500 metri di lunghezza collegata per altri 700 metri, passando da piazzale Giovanni XXIII a piazzale Azzarita, al Lungomare della Costituzione.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >