Giovedý 23 Settembre14:39:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, raffica di furti e rapine: i Carabinieri arrestano sei persone

Colpi tentati in spiaggia, nei parchi e al supermercato: operazioni e arresti lampo

Cronaca Rimini | 13:01 - 23 Agosto 2021 L'attività di contrasto contro i reati predatori L'attività di contrasto contro i reati predatori.


Intenso fine settimana di lavoro per i Carabinieri di Rimini, impegnati nei pattugliamenti della città e in alcuni arresti. Tra gli interventi quello presso il supermercato Conad di viale Vespucci, dove un 22enne magrebino aveva aggredito il personale dopo essere stato sorpreso a portare via, senza pagare, generi alimentari e alcolici. Il giovane, arrestato, è stato processato per direttissima e condannato a 10 mesi di reclusione, pena sospesa.

Sabato (21 agosto) un suo connazionale di 26 anni è stato invece condannato a 16 mesi di reclusione per un tentato furto sulla spiaggia: scoperto dal padrone dello zaino, su cui aveva messo le mani, ha reagito con la forza, venendo però bloccato dai bagnanti. 

Sempre sabato un terzo magrebino di 30 anni è stato fermato all'altezza della spiaggia libera di piazzale Boscovich, dopo aver rubato la borsa ad una donna. Processato per direttissima, è stato condannato a 16 mesi di reclusione e a 900 euro di multa. 

Nella notte tra domenica e lunedì (22-23 agosto) i Carabinieri hanno poi arrestato una 25enne riminese, già nota alle forze dell'ordine, in relazione all'aggressione subita da due ragazze di Rimini. La 25enne, assieme a un complice non identificato, le ha aggredite a calci e pugni, portando via una borsa e una bicicletta. 

Gli ultimi arresti hanno riguardato altri due magrebini di 19 e 42 anni, entrambi senza fissa dimora e con precedenti giudiziari. I due, sul Lungomare Tintori, con la scusa di voler vendere dello stupefacente, hanno avvicinato due giovani turisti lombardi, cercando di strappare la catenina dal collo di uno di loro. E' sorto un parapiglia nel quale, ad avere la peggio, è stato uno dei turisti, portato al pronto soccorso e dimesso con tre giorni di prognosi. I due magrebini sono stati arrestati dai Carabinieri. 

 


 
< Articolo precedente Articolo successivo >