Giovedý 23 Settembre13:46:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Si chiude edizione 2021 di Artisti in piazza, in attesa di tornare alla vecchia formula

"Manteniamo viva l’attenzione verso la comunità di questo piccolo diamante della Valmarecchia"

Attualità Pennabilli | 10:30 - 23 Agosto 2021 Chiusa l'edizione 2021 di Artisti in Piazza (Foto Alex Rollo) Chiusa l'edizione 2021 di Artisti in Piazza (Foto Alex Rollo).


È terminata sabato 21 agosto la rassegna di eventi di Artisti in Piazza, che ha visto il via lo scorso 12 giugno e che si è prolungata per tutta la stagione estiva, all’insegna dei una  nuove energie ritrovate e delle buone vibrazioni trasmesse dall’arte e da momenti di bellezza condivisa.

Per quanto vissuta con nostalgia delle modalità delle edizioni passate che portavano migliaia di persone ad affollare le vie di Pennabilli, la rassegna di tre mesi ha permesso di animare il piccolo borgo di Pennabilli per tutta l’estate, mescolandosi agli eventi già presenti in zona e arricchendo ulteriormente la proposta culturale del territorio.

Tra gli organizzatori rimane comunque il desiderio e la speranza di riuscire a tornare alla vecchia formula una volta scongiurato questo periodo di emergenza sanitaria.

Un grosso contributo all’edizione 2021 è stato apportato da CFR – Cosmic Fringe Radio, la web radio no profit di comunità nata nel dicembre 2020 da un’idea dal Direttore Artistico di Artisti in Piazza Enrico Partisani. La radio ha trasmesso interviste, anteprime e approfondimenti sulle compagnie e gli artisti che sono passati a Pennabilli quest’estate, oltre alle dirette live dei concerti in programma, con l’intento di portare l’atmosfera del Festival anche a chi non ha potuto parteciparvi in presenza.

Un ringraziamento sincero al pubblico che, pur di fronte a questa modalità di organizzazione del Festival, lo ha sostenuto con tanto fervore ed entusiasmo.

In attesa del prossimo anno, l’Associazione culturale Ultimo Punto continuerà a concentrarsi sulle trasmissioni di Cosmic Fringe Radio e a lavorare per promuovere la cultura di frontiera e mantenere viva l’attenzione verso la comunità di questo piccolo diamante della Valmarecchia.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >