Giovedý 23 Settembre04:25:06
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Servizi sanitari, approvato il documento "Focus di domanda e offerta in Alta Valmarecchia"

Redatto in collaborazione tra Ausl Romagna e i comuni dell'Alta Valmarecchia

Attualità Novafeltria | 09:59 - 19 Agosto 2021 Immagine di repertorio Immagine di repertorio.

Uno sguardo attento che nasce da un confronto diretto e costruttivo sulla situazione sanitaria in Alta Valmarecchia. Con queste basi è stato prodotto il documento "Focus di domanda e offerta in Alta Valmarecchia" che analizza il contesto socio-economico e demografico dell'Alta Valmarecchia, individua gli investimenti per interventi strutturali sugli immobili a destinazione socio-sanitaria e tende a favorire l'incontro fra domanda e offerta sanitaria.
Il documento verrà periodicamente aggiornato e pubblicato a seguito degli incontri del tavolo politico-sanitario fortemente voluto e coordinato dal Comune di Novafeltria.
Garantire i servizi di prossimità, favorire la domiciliarità delle cure: In questa ottica vanno anche gli interventi e progetti fortemente voluti e previsti all'interno della Strategia Nazionale delle Aree Interne dal titolo "Area Interna Alta Valmarecchia, Strategia d'Area Paesaggi da Vivere".  La Telemedicina/Teleassistenza e gli Infermieri di Comunità sono interventi volti a rafforzare la medicina territoriale e a favorire la permanenza a domicilio della maggior parte dei pazienti affetti da patologie croniche.  Con questi interventi l'ospedale di Novafeltria, la Casa della Salute di prossima apertura e la Casa Residenza Anziani, realizzeranno quella "cittadella della salute" dove il cittadino potrà rivolgersi per trovare risposte o essere orientato alla specifica prestazione.
"Come Amministratori" si legge nella nota del comune di Novafeltria "saremo vigili e attenti a cogliere le richieste della nostra comunità al fine di vedere garantito il diritto alla salute e quei servizi di prossimità che devono essere erogati nei luoghi di vita. 
L'attenzione, l'ascolto e la collaborazione con la AUSL Romagna in questo ci confortano, facendoci sentire parte integrante della rete di un sistema socio-sanitario che anche la recente emergenza sanitaria ha valorizzato. 
"

< Articolo precedente Articolo successivo >