Sabato 18 Settembre01:56:15
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

"Prolungare servizio di salvataggio dopo il 12 settembre", l'appello dei sindacati

"Le spiagge saranno affollate anche a settembre, troppi rischi", spiegano in una nota

Attualità Rimini | 17:16 - 17 Agosto 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Filcams CGIL Rimini e Fisascat CISL Romagna rivolgono un appello pubblico alle amministrazioni comunali costiere affinché, nel rispetto di quanto previsto dall’ordinanza balneare regionale, valutino l’incremento dell’offerta turistica territoriale tenuto conto delle condizioni meteo, dell’afflusso turistico e dell’andamento degli interventi di salvataggio 2021. "Quest’anno, peraltro, sta rivelandosi particolarmente impegnativo e rischioso anche a causa dell’indisciplina dei turisti; tema sul quale è necessario prevedere dal 2022 un investimento in termini di prevenzione con specifiche campagne d’informazione", rilevano i sindacati.

Le ordinanze comunali, ad oggi, prevedono l’interruzione del servizio pubblico essenziale di salvamento già al 12 settembre. I Comuni possono, con propria ordinanza, estendere il periodo di obbligo di servizio di salvamento sulla costa facendo le opportune valutazioni. "La programmazione dei grandi eventi per settembre e la concreta possibilità che anche i residenti frequentino massicciamente le spiagge ci portano a dire che è necessario, già dal 2021, estendere all’ultimo week-end di settembre la durata del servizio pubblico essenziale di salvamento", è la riflessione dei sindacati, che ricordano quanto nel 2020 le spiagge fossero affollate, a settembre. "Si sono corsi rischi per la sicurezza della balneazione e i marinai, fuori servizio, hanno tratto in salvo 7 persone salvando  vite. Noi non facciamo differenza tra residenti e turisti: tutti hanno diritto godere in sicurezza del nostro mare", evidenziano. 

I sindacati si appellano quindi alla responsabilità delle amministrazioni comunali, affinché "si  svincoli la durata del servizio pubblico essenziale di salvamento dagli interessi particolari delle imprese balneari estendendo il servizio almeno fino all’ultimo week-end di settembre".


 

< Articolo precedente Articolo successivo >