Sabato 18 Settembre01:40:07
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Vestiti firmati contraffatti, giochi e gioielli non a norma. Sequestrati 10mila pezzi

La Guardia di Finanza è intervenuta in 11 negozi tra Rimini, Riccione e Misano Adriatico

Cronaca Rimini | 12:26 - 16 Agosto 2021 Controlli della Guardia di Finanza Controlli della Guardia di Finanza.

Abusivismo commerciale, la Guardia di Finanza di Rimini sequestra oltre 10mila articoli in undici interventi eseguiti tra Rimini, Riccione e Misano Adriatico.
Orecchini, collane, bracciali, altri articoli di bigiotteria e giocattoli i principali articoli sequestrati, tutti non conformi alle norme. I 5 responsabili dei punti vendita sono stati segnalati alla Camera di Commercio e rischiano una multa superiore ai 25mila euro.

Sequestrati inoltre 434 capi d'abbigliamento con marchio contraffatto. I 4 responsabili dei punti vendita sono stati segnalati all'autorità giudiziaria per commercio di prodotti con marchi contraffatti e per ricettazione.  Quanto identificato si aggiunge agli oltre 7000 articoli già sequestrati questa estate.

"L’attenzione della Guardia di Finanza nello specifico settore" si legge nella nota delle Fiamme Gialle "è costante ed ai massimi livelli in quanto contrastare efficacemente la contraffazione vuol dire anche salvaguardare il tessuto produttivo italiano che, alla luce del particolare momento emergenziale, è divenuto più vulnerabile alle fenomenologie illecite e agli interessi criminali. 
Si consideri inoltre che tali prodotti, venduti a basso costo, non genuini, il cui uso prevede un contatto diretto con la pelle, l’indicazione non chiara dei materiali utilizzati, impedisce al consumatore di adottare le dovute precauzioni in relazione all’eventuale presenza di sostanze pericolose. L’attività del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Rimini che si inserisce, pertanto, anche nell’ambito di quelle iniziative volte a restituire competitività e legalità al mercato, continuerà senza soluzione di continuità per tutta la restante parte dell’estate
."

 


 

< Articolo precedente Articolo successivo >