Sabato 18 Settembre01:24:07
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Musica a scuola: da Piacenza a Rimini, un milione e mezzo di contributi regionali

Oltre 200 istituti coinvolti tra elementari, medie, superiori e percorsi di istruzione e formazione professionale

Attualità Rimini | 12:27 - 03 Agosto 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Musica a scuola, per imparare a suonare uno strumento, a cantare, a conoscere e sperimentare i diversi generi musicali.

La Regione Emilia Romagna mette in campo 26 progetti approvati e finanziati realizzati da 76 scuole di musica riconosciute su tutto il territorio regionale in partenariato con oltre 200 tra istituzioni scolastiche ed enti. Saranno oltre 6700 gli studenti che potranno partecipare gratuitamente agli oltre 200 percorsi della durata di 60 ore.

La giunta ha approvato, finanziandoli con un contributo complessivo di 1 milione 550 mila euro, percorsi di educazione musicale (propedeutica musicale, musica strumentale, canto corale) per le scuole di musica e gli organismi specializzati nell’organizzazione e gestione di attività di didattica e pratica musicale.

Si tratta di un’offerta formativa rivolta agli studenti e alle studentesse della scuola primaria, della scuola secondaria di primo e secondo grado nonché dei percorsi di istruzione e formazione professionale dell’intero territorio regionale, da realizzare nell’anno scolastico 2021/2022.
I corsi saranno da svolgere nel rispetto di tutti i protocolli di sicurezza sanitaria previsti.

Da Piacenza a Rimini, il filo conduttore che lega le proposte - selezionate tramite specifico invito rivolto alle scuole di musica riconosciute - è quello di promuovere le attività di educazione e pratica musicale d’insieme, incentivare la socializzazione degli studenti, favorire l’integrazione dei ragazzi con disabilità o in condizione di svantaggio e qualificare ulteriormente il sistema dell’educazione musicale regionale, anche sviluppando nuove forme di integrazione e collaborazione tra scuole di musica e istituzioni scolastiche, educative e formative. E in particolare ampliare le opportunità di accesso a progetti di educazione musicale che costituiscono un’occasione di socializzazione, inclusione e contrasto alle povertà educative.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >