Sabato 18 Settembre10:33:59
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

San marino, i vaccinati con lo Sputnik non sono riconosciuti in Italia

Esponenti della politica chiedono di trovare una soluzione

Attualità Emilia Romagna | 18:33 - 28 Luglio 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Già a poche ore dall'annuncio del Governo dell'utilizzo del Green Pass - a partire dal 6 agosto - per accedere a diverse aree e a diverse attività sul territorio a San Marino erano emersi i primi timori della popolazione, vaccinata in maggioranza con lo Sputnik - non riconosciuto dall'Ema - e preoccupata dall'ipotesi di non poter accedere a ristoranti e luoghi chiusi ma anche all'aperto, come i parchi tematici, nella vicina Italia e, in particolare nelle confinanti Romagna e Marche. Adesso, quel timore - emerso non per la mancanza di un lasciapassare sanitario ma perché questo non è riconosciuto dall'Italia. - inizia a farsi largo anche fuori dal Titano, con esponenti della politica come la consigliera regionale riminese del Pd, Nadia Rossi, e il presidente della Provincia di Rimini, Riziero Santi, che chiedono di trovare una soluzione. Se, sul suo profilo Facebook, Santi si limita a un "trovo sbagliato non riconoscere il Green Pass ai sammarinesi che per il 90% si sono immunizzati con lo Sputnik" e che, peraltro, hanno raggiunto l'immunità di gregge superando quota 70% di doppia vaccinazione, Rossi, lancia un allarme più corposo invitando a trovare una soluzione alla luce anche delle ricadute economiche della vicenda sia nella piccola Repubblica sia in Romagna, meta per tanti turisti russi. Nadia Rossi, invece ha presentato un 'interrogazione alla Regione per chiedere un intervento nei confronti del governo.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >