Luned́ 27 Settembre18:42:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Aggredito dipendente della Start Romagna: due giovani segnalati dalla polizia

Volevano salire sull'autobus con la bicicletta. L'uomo ha riportato una lesione al gomito

Cronaca Rimini | 15:00 - 27 Luglio 2021 Aggredito dipendente della Start Romagna: due giovani segnalati dalla polizia


Ieri sera intorno alle 21, due volanti della Polizia di Stato sono intervenute in via Flaminia a Rimini a seguito della segnalazione di una persona aggredita. Giunti sul posto, gli agenti identificavano la vittima quale addetto al controllo dei titoli di viaggio, dipendente della Start Romagna.

Il controllore riferiva di esser stato aggredito da due giovani, i quali pretendevano di salire a bordo del bus con la loro bicicletta. Dopo aver negato il permesso di introdurre la bici all’interno dell’autobus, i due ragazzi, un tunisino di 20 anni e una riminese, afferravano la vittima per il braccio trascinandolo al suolo, procurandogli una lesione al gomito a seguito del violento impatto con l’asfalto.

I due aggressori si sono dati alla fuga prima dell’arrivo della volante facendo perdere le loro tracce ma la precisa e minuziosa descrizione fornita circa l’abbigliamento e i tratti fisionomici ha permesso ai poliziotti di rintracciarli poco dopo in Viale Pascoli. Alla vista degli agenti i due malviventi hanno insultato e minacciato gli stessi, tentando la fuga per cercare l’impunità.

Accompagnati presso gli uffici della Questura, sono stati denunciati per resistenza, minacce, oltraggio e lesioni a pubblico ufficiale nonché per interruzione di pubblico servizio.

La nota dell'azienda:

Start Romagna assiste al ripetersi di gesti aggressivi ed atti vandalici a bordo dei bus. Nel produrre, tutta l’azienda, il massimo sforzo per garantire un servizio di trasporto efficiente in tutta la Romagna, è chiaro che gli autisti sono in prima linea, seppur dotati di strumenti di collegamento in tempo reale con la centrale operativa e le forze dell’ordine, coi bus presidiati anche da telecamere che registrano quanto accade a bordo.

Leggendo sui media, comprendiamo la necessità di usare gli episodi che stanno accadendo per qualche vantaggio, ma preferiamo non rispondere su questo livello e restare concentrati sul nostro lavoro e nel supporto ai nostri oltre 700 autisti.

< Articolo precedente Articolo successivo >