Sabato 18 Settembre10:16:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio D, il regista Andrei Tanasa: 'Ho scelto Rimini per puntare alla serie C'

Il nuovo leader del centrocampo: 'La pressione deve essere uno stimolo, sta a noi portare entusiasmo'

Sport Rimini | 17:19 - 23 Luglio 2021 Andrei Tanasa, il nuovo regista del Rimini Andrei Tanasa, il nuovo regista del Rimini.

Il 31enne Andrei Tanasa sarà il leader del centrocampo del Rimini. Un giocatore di personalità, esperienza, carisma. E' chiamato a guidare le operazioni del gioco, ad impostare la manovra della squadra di Gaburro.

“Ho parlato col mister e la sua idea di calcio mi piace: vuole una squadra propositiva, aggressiva - dice Tanasa - . Schiera di solito la squadra col 4-3-3, il modulo con cui ho giocato praticamente da sempre almeno a centrocampo”.

Perché Rimini?

“Avevo altre opportunità anche importanti, la scelta è ricaduta sul Rimini Calcio per la storia del club che non è certo da serie D, le sue aspirazioni. Ci sono delle ambizioni, le stesse che ho io: cercheremo insieme di raggiungere il traguardo della serie C. E' il progetto comune. Il ds Andrea Maniero mi ha seguito, ha visto parecchie partite della”.

Se ci fosse stato il ripescaggio?

“Sarei rimasto al Rimini anche in terza serie, almeno così mi aveva assicurato il ds Andrea Maniero”.

Le sue caratteristiche?

“Lavoro per la squadra, un centrocampista deve fare al meglio le due fasi, quella di interdizione e quella di rilancio. Pur essendo un play, cerco di svolgere al meglio anche la prima. Il gioco di solito passa da me, anche nelle giornate in cui sono meno appariscente svolgo un lavoro utile per la squadra. Talvolta arrivo al gol, ma non di testa nonostante sia alto 1,84: nell'ultima stagione in cui abbiamo perso la finale playoff contro la Castellanzese ne ho segnati cinque. E' stata una delle mie migliori stagioni. Comunque con la Caronnese ero a secondo posto quando per il virus è stato interrotto il campionato”.

Non ha mai vinto campionati. Altre volte ha partecipato ai playoff?

“Oltre all'ultima stagione col Pont Donnaz, altre due volte col Campodarsego: la prima abbiamo vinto la finale playoff dopo il secondo posto alle spalle del Venezia, la seconda l'abbiamo persa con la Virtus Verona”.

Il Rimini avrà la pressione addosso, tra i tifosi c'è un certo scoramento.

“E' naturale che in una piazza così importante la squadra abbia i fari di tutti puntati addosso, penso debba essere uno stimolo per tutti noi. Dovremo iniziare bene per trasformare la pressione in entusiasmo e portare più gente possibile allo stadio”.

Il ritrovo sarà il 5 agosto, dall'8 ritiro a Castel del Rio.

ste. fe.

< Articolo precedente Articolo successivo >