Venerdý 30 Luglio16:50:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Come richiedere ed utilizzare una carta di debito

La carta di debito collegata al conto corrente è spesso chiamata Bancomat

Attualità Nazionale | 09:36 - 23 Luglio 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.

Per carta di debito si intende un tipo di carta di pagamento che prevede l’addebito delle somme spese contestualmente all’acquisto effettuato, sul conto corrente oppure tramite prelievo dal borsellino virtuale in caso di carte di debito ricaricabile. In Italia, la carta di debito collegata al conto corrente è spesso chiamata Bancomat.
 

Funzionamento della carta di debito
 

Come già detto, le tipologie di carte di debito più diffuse sono quelle collegate ad un conto corrente. Quando si effettua un acquisto, online oppure negli esercizi commerciali fisici, la somma spesa viene prelevata quasi nell’immediato dal conto, a differenza della carta di credito, invece, che prevede un addebito successivo (in genere il mese seguente) di quanto speso. Per utilizzare la carta di debito in un POS per effettuare un pagamento presso un esercizio commerciale, o in uno sportello ATM per il prelievo di contanti, è necessario inserire il codice PIN. Tuttavia, esistono anche tipologie di carte di debito contactless, cioè che non richiedono l’inserimento del codice PIN nel POS per autorizzare i pagamenti per somme esigue (fino ai 25 euro, di solito). In genere, vengono fissati dei massimali di utilizzo e di prelievo sia giornalieri che mensili da parte dell’istituto di credito che eroga la carta: al raggiungimento dei massimali le operazioni non vengono più autorizzate.
 

Richiedere una carta di debito
 

In genere la richiesta della carta di debito è molto semplice. Basta rivolgersi alla banca dove si ha un conto corrente e richiedere l’erogazione della carta. In genere serve compilare qualche modulo inserendo i propri dati, al fine di formalizzare la richiesta. Infatti, la banca detiene già le informazioni dei suoi correntisti, pertanto, in base alla storia creditizia di ciascun soggetto, decide se concedere o meno una carta di debito, permettendo anche di scegliere tra diverse tipologie disponibili, come la carte di debito contactless di Nexi. All’esito della richiesta, qualora dovesse essere accolta, la carta arriva direttamente a casa mediante servizi postali. Alcune banche forniscono contestualmente alla carta un codice PIN provvisorio, inviandolo tramite mail, sms oppure tramite posta (ma, per ragioni di sicurezza, non insieme alla carta stessa). Per attivare la carta ricevuta, è necessario seguire le istruzioni allegate; a volte è necessario mettersi in contatto con un operatore della banca. Se, invece, non si è titolari di un conto corrente, occorre per prima cosa aprirne uno. Alcune banche permettono di farlo anche comodamente online.

Quanto costa una carta di debito?
 

La carta di debito è correlata ad alcuni costi. In genere vi è un canone annuo da corrispondere, seppur inferiore a quello delle carte di credito. Diverse banche comprendono il costo della carta di debito nelle spese fisse del conto corrente. Vi sono, poi, delle commissioni che vengono applicate quando si preleva presso gli sportelli ATM che non appartengono al circuito della banca emittente della carta o quando si prelevano contanti all’estero. Fuori dai confini nazionali è bene prestare attenzione anche ai tassi di conversione per i pagamenti effettuati in valuta diversa dall’euro. In Italia, invece, solitamente è possibile pagare negli esercizi commerciali muniti di POS senza commissioni aggiuntive per il cliente.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >