Sabato 31 Luglio19:50:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo ricorda l'eccidio di Fossoli e il proprio concittadino Rino Molari

Si ricorda il 77° anniversario dell’eccidio del 12 luglio 1944 in cui persero la vita 67 internati politici

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:42 - 16 Luglio 2021 Campo di Fossoli - foto Visit Modena Campo di Fossoli - foto Visit Modena.

Si svolgerà domenica 18 luglio alla Pieve la commemorazione della città di Santarcangelo per il 77° anniversario dell’eccidio di Fossoli (12 luglio 1944), in cui persero la vita 67 internati politici compreso il santarcangiolese Rino Molari.

Alle ore 9:45 è previsto il ritrovo per la messa dedicata a Molari, che comincerà alle ore 10:00, mentre a partire dalle ore 10:45 circa avranno luogo gli interventi istituzionali nel giardino della Pieve, presso la lapide che ricorda l’antifascista santarcangiolese nelle immediate vicinanze della sua casa natale. Gli interventi istituzionali – che in caso di maltempo si svolgeranno a partire dalle ore 11 nella sala del Consiglio comunale – saranno trasmessi anche in diretta streaming sulla pagina Facebook del Comune.
La sindaca Alice Parma porterà il saluto dell’Amministrazione comunale, mentre la presidentessa Giusi Delvecchio interverrà in rappresentanza dell’Anpi provinciale di Rimini.
La commemorazione dedicata a Rino Molari è organizzata dal Comitato cittadino antifascista di Santarcangelo, tavolo di lavoro che riunisce Amministrazione comunale, associazioni del territorio, istituzioni pubbliche, organizzazioni sindacali, scuole e forze politiche locali.

Domenica scorsa (11 luglio) una delegazione del Comitato ha partecipato anche alla cerimonia che si è svolta al campo di concentramento di Fossoli, nel corso della quale – oltre al sindaco di Carpi Alberto Bellelli e al presidente della Fondazione Fossoli Pierluigi Castagnetti – sono intervenuti Stefano Bonaccini (Presidente della Regione Emilia-Romagna), Patrizio Bianchi (Ministro dell'Istruzione), David Sassoli (Presidente del Parlamento Europeo) e Ursula von der Leyen (Presidente della Commissione Europea).
 

< Articolo precedente Articolo successivo >