Luned́ 26 Luglio03:27:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Servizi sanitari, incontro a Casteldelci. Novità per l'ospedale di Novafeltria

La Casa della salute dovrebbe essere completata entro la fine dell'anno

Attualità Novafeltria | 10:26 - 15 Luglio 2021 Incontro a Casteldelci Incontro a Casteldelci.

Incontro a Casteldelci sulla riorganizzazione dei servizi sanitari e socio sanitari. Per i Comuni dell’Alta Valmarecchia è stata l’occasione per fare il punto ed avere un riscontro relativamente alle richieste avanzate non più tardi di due mesi fa in occasione di un precedente tavolo di confronto con la Ausl Romagna.

Erano presenti, tra gli altri, il direttore generale dell'Ausl Romagna Tiziano Carradori, Gloria Lisi in qualità di presidente del Comitato di Distretto socio-sanitario Rimini nord, i sindaci ed assessori dei comuni del distretto di cui sopra, l'unione dei Comuni Valmarecchia e altri rappresentanti di Ausl Romagna.

Ecco quanto emerso relativamente all'Ospedale di Novafeltria.
Per quanto riguarda chirurgia, dopo essere stato individuato un referente di reparto, rimane l'obiettivo di avere almeno due chirurghi generali su Novafeltria. Per quanto concerne le sedute operatorie si stanno rimodulando le attività verso un incremento, oltre che della chirurgia generale, dell'ortopedia e una ripartenza della ginecologia (interventistica) da settembre 2021.
Cardiologia, a settembre entrerà in servizio il nuovo specialista ambulatoriale. 
Medicina, saranno garantite le ore richieste per eseguire ecocardiogrammi sempre da settembre. Fino ad allora verrà a Novafeltria un cardiologo dipendente della cardiologia ospedaliera di Rimini.
DH oncologico: si è stimato un bisogno di 1 ecocardiogramma o visita cardiologica alla settimana tradotto fattivamente in 1 ora alla settimana che dal 1 setttembre sarà garantito dal dott. Marchesini. Nel frattempo i pazienti vanno in ospedale a Santarcangelo e quando i tempi di attesa sono troppo lunghi verranno visti dal Dott. Lavecchia tutti i martedì mattina all'Ospedale di Rimini con un percorso concordato;

Visite cardiologiche domiciliari: si stima un bisogno di 1 o 2 visite settimanali. In attesa dell'arrivo del Dott. Marchesini si stanno eseguendo elettrocardiogrammi presso le CRA di Talamello e presso l'Istituto Maestre Pie di Novafeltria con invio tramite mail al Dott. La Vecchia perchè trattasi di richiesta di refertazione per calcolo QTc;
eventuali consulenze richieste dalla chirurgia ospedaliera, saranno garantite da settembre dal dott. Marchesini, nel frattempo sono in capo al cardiologo in capo alla responsabilità dell'equipe che garantisce una presenza periodica in loco;

I piani terapeutici da rinnovare sono garantiti dall'equipe del dott. Arduini per quanto riguarda gli anticoagulanti orali diretti, tutti gli altri possono essere trasmessi al dott. La Vecchia tramite mail con percorso già concordato.
Per quanto riguarda il fisiatra si stima di ripristinare la situazione nei prossimi due mesi. Verranno aumentate le ore di visita per quanto riguarda oculistica.

L'ospedale di Novafeltria chiede un ambulatorio per la gestione di ferite difficili chirurgiche a gestione medica. Il  dott. Todaro da luglio ne prevederà l'inserimento nell'ambito del programma ambulatoriale, nelle giornate di lunedì e giovedì.
La Casa della salute dovrebbe essere completata entro la fine dell'anno.
Questi i costi degli interventi futuri dell'Ospedale di Novafeltria: Chirurgia Euro 500.000, Lungodegenza Euro 900.000,  Endoscopia Euro 500.000, Guardaroba-Servizio mortuario Euro 600.000, Demolizione edificio evacuato Euro 250.000. Si sta inoltre lavorando su progetti di telemedicina.


"A margine dell’incontro di ieri" dice il sindaco di Novafeltria Stefano Zanchini "voglio ringraziare il Presidente del Comitato di Distretto Socio-Sanitario Rimini Nord Gloria Lisi non solo per averne curato l’organizzazione ma anche per la costante e preziosa presenza, il fattivo contributo e opera di coinvolgimento; grazie al DG dell’AUSL Romagna Dr. Tiziano Carradori per l’attenzione, l’ascolto e il puntuale riscontro alle nostre richieste pur in un contesto di forte criticità nel reperire personale sanitario medico e infermieristico; grazie al sindaco di Casteldelci, all’amico Fabiano Tonielli e ai suoi volontari per la squisita ospitalità. 
 
Solo un corale gioco di squadra, nella consapevolezza dei ruoli, delle risorse, del contesto socio-economico, basato sul rispetto reciproco e sulla collaborazione, può garantire il meglio delle prestazioni e dei servizi socio-sanitari ai nostri concittadini.  Non serve battere i pugni, non serve la contrapposizione o la facile e strumentale polemica per vedere garantiti servizi essenziali ai cittadini dell’Alta Valmarecchia, serve la mediazione, il confronto, serve esserci nei tavoli delle discussioni e delle scelte. Noi abbiamo promosso e avviato un periodico tavolo politico-sanitario sindaci/Ausl, siamo sempre stati presenti nelle Conferenze Territoriali Socio-Sanitarie (CTSS), nel Comitato di Distretto Socio-Sanitario, nelle cabine di regia sociali-sanitarie intessendo relazioni interpersonali preziose e costruttive che ci hanno permesso di riportare Novafeltria a quel ruolo di centralità che le appartiene per conformità e numeri
."     


 

< Articolo precedente Articolo successivo >