Giovedý 05 Agosto11:15:50
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

L'ultimo saluto a Raffaella Carrà, presente anche il sindaco di Bellaria

Filippo Giorgetti: "Ripartiamo, con la musica e Raffaella nel cuore"

Attualità Nazionale | 15:26 - 09 Luglio 2021 Immagini altarimini.it (si ringrazia Valentino Berti) Immagini altarimini.it (si ringrazia Valentino Berti).


Oggi (venerdì 9 luglio) a Roma è stato celebrato il funerale di Raffaella Carrà. La partenza del feretro, dal sagrato della Basilica di Santa Maria in Aracoeli, è stata accompagnata da un lunghissimo applauso e dal canto dei fan, che hanno intonato i ritornelli di alcune delle canzoni più celebri dell'artista originaria di Bellaria Igea Marina. Al termine del funerale, il feretro è rimasto  mezz'ora sul sagrato per permettere ai parenti, agli amici, ai colleghi e ai fan di dare l'ultimo saluto alla loro amata Raffaella. 

Presente alla funzione religiosa anche il sindaco di Bellaria Igea Marina, Filippo Giorgetti: «Nelle mie orecchie di bambino risuonavano spesso le sue canzoni. Oggi, come non mai, voglio citare "Come è bello far l'amore da Trieste in giù", l'Italia unita in un abbraccio, un paese che vuole sentirsi forte e ripartire, con la musica e Raffaella nel cuore», ha dichiarato all'uscita della Chiesa. Bellaria Igea Marina omaggerà Raffaella Carrà, con la flower Boat che suonerà le sue canzoni e i fuochi d'artificio di Ferragosto preceduti dalle sue note. «Bellaria Igea Marina ha sofferto, ma vogliamo celebrare anche la gioia, la musica, l'estro e l'arte che Raffaella ha portato in tutte le case degli italiani e in giro per il mondo», ha aggiunto il sindaco.

Tanti gli artisti e i personaggi del mondo della televisione che hanno voluto essere presenti all'ultimo saluto ad una persona indimenticabile, come ha sottolineato Massimo Lopez. «Raffaella rimarrà nei nostri cuori, lo è sempre stata nei nostri cuori. E' una persona dalla quale possiamo ancora imparare molto», ha dichiarato, visibilmente commosso. «Ho perso una sorella. La prima volta che ho lavorato con lei io avevo undici anni e lei diciassette. Abbiamo praticamente vissuto insieme. Abbiamo girato il mondo, abbiamo fatto il Tuca Tuca dappertutto. Ed è un ballo che ancora oggi si fa perché lo ha fatto Raffaella», ha evidenziato Enzo Paolo Turchi, che ha regalato un sorriso, in un momento di grande dolore e commozione: «Lassù stanno organizzando lo spettacolo piu' bello che sia mai esistito. Hanno chiamato i piu' bravi. Stanno facendo una cosa grandiosa».

Riccardo Giannini

 

< Articolo precedente Articolo successivo >