Sabato 31 Luglio15:07:27
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Spaccio nella ditta edile: arrestati due quarantenni, obbligo di firma per la moglie

I tre smerciavano la droga fingendo di lavorare. Indagini a partire da un tentato omicidio

Cronaca Montescudo-Montecolombo | 12:48 - 06 Luglio 2021 Spaccio nella ditta edile: arrestati due quarantenni, obbligo di firma per la moglie

Detenzione e cessione di stupefacenti: tre persone coinvolte, due in manette. I carabinieri di Riccione, in collaborazione con quelli di Montescudo-Montecolombo, alle prime luci dell'alba di oggi (martedì 6 luglio) hanno arrestato un 40enne e un 42enne. Anche la moglie del 40enne, sua coetanea, è accusata degli stessi reati e dovrà presentarsi quotidianamente alla polizia giudiziaria.

Le indagini sono partite dal tentato omicidio di un forlivese avvenuto a Coriano a settembre. I carabinieri hanno raccolto le prove che hanno poi inchiodato gli avversari, tra pedinamenti e appostamenti. I tre avrebbero ceduto moltissime dosi di stupefacente utilizzando la sede di una ditta edile di Montescudo-Montecolombo, in cui i tre lavoravano. Gli incontri erano mascherati da appuntamenti di lavoro e la droga diventava "le finestre" o "le misure" nel linguaggio usato per concordare le consegne. Nel corso delle indagini sono stati sequestrati anche 50 grammi di hashish. Il 40enne si trova in carcere a Rimini, il 42enne è ai domiciliari.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >