Marted́ 03 Agosto15:48:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pandemia e lavoro, conseguenze per le lavoratrici: un questionario della provincia

Un questionario conoscitivo per poter attivare azioni a sostegno del lavoro professionale femminile

Attualità Rimini | 10:46 - 29 Giugno 2021 Giulia Corazzi Giulia Corazzi.

Progettato in collaborazione con la Consigliera alle Pari Opportunità Giulia Corazzi le Rappresentanze Sindacati, il Piano Strategico, l'Università - Dipartimento di Scienze dell'Educazione - Campus di Rimini, il questionario elaborato dalla Alma Mater Studiorum - Università di Bologna, attraverso il Centro di Studi Avanzati sul Turismo (CAST) rappresenta  uno strumento snello e significativo che si rivolge alle lavoratrici del territorio provinciale, a seguito anche della situazione di "restrizioni" ed "emergenza sanitaria" con l'obiettivo di raccogliere informazioni attuali ed utili in merito allo stato di salute in termini di Welfare sociale del nostro territorio.


"La sintesi della documentazione, che attraverso questo strumento verrà raccolta costituirà materiale che servirà ad elaborare ed attivare azioni a sostegno del lavoro professionale femminile.   – ha spiegato Giulia Corazzi, Consigliera alle Pari Opportunità della Provincia di Rimini - Si tratta di una opportunità per indagare elementi utili al fine di fare convivere diversi aspetti: il benessere dei propri collaboratori, la redditività aziendale, lo studio ed introduzione di nuove forme di welfare aziendale ma anche il sostegno alla consapevolezza di una maggiore crescita della leadership femminile".

Il Questionario che ha finalità di ricerca è dunque uno strumento per individuare azioni rivolte alla valorizzazione del welfare aziendale e a promuovere nuovi progetti finalizzati al work-life balance e al miglioramento della qualità della vita e lavoro delle donne.


Tutti i dati saranno utilizzati esclusivamente in forma aggregata ed anonima a scopo statistico.

Il questionario nasce all'interno del progetto "Lavoro! Libere tutte" sostenuto dalla Regione Emilia Romagna e dall'Ufficio Pari Opportunità della Provincia di Rimini. 


 

< Articolo precedente Articolo successivo >