Giovedý 05 Agosto04:51:00
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Elezioni Rimini, Movimento 5 Stelle con il Pd se sarà scelto candidato civico

Gli esponenti pentastellati Sarti e Croatti spingono al dialogo tra le forze progressiste

Attualità Rimini | 17:44 - 18 Giugno 2021 Marco Croatti e Giulia Sarti Marco Croatti e Giulia Sarti.

Un esponente della società civile da "identificare insieme" e che "sia capace di pensare alla comunità e non alla sua carriera." E' quello che chiede il Movimento 5 Stelle riminese alle "forze progressiste" in merito all'individuazione di un candidato sindaco da contrapporre al centrodestra alle prossime elezioni comunali in programma a Rimini il prossimo autunno. "La politica deve essere al servizio della cittadinanza - esprimono i parlamentari riminesi Giulia Sarti e Marco Croatti in una nota congiunta con gli attivisti del Movimento della città romagnola - per questo ci auguriamo che a Rimini si venga a formare un tavolo inclusivo. Ogni volta che la classe politica si dedica a lotte intestine - argomentano riferendosi alle diverse vedute all'interno del Pd - quelli che ci rimettono davvero sono i cittadini. Ecco perché auspichiamo che sia una figura della società civile a candidarsi come sindaco." A giudizio dei pentastellati riminesi - mentre nel Pd si dibatte su una candidatura unitaria dopo la rinuncia alle primarie che avrebbero visto in campo l'assessore comunale Jamil Sadegholvaad e la presidente dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna, Emma Petitti - "costruire insieme un'intesa comune è l'unica strada percorribile: la politica non può agire in modo autoreferenziale, altrimenti i cittadini si allontaneranno e a rimetterci sarà anche la nostra democrazia. Creare un dialogo tra forze progressiste è l'obiettivo del Movimento e dei suoi attivisti sui territori locali. Al centro del dibattito deve esserci il bene della città di Rimini, non le carriere politiche di chi vi farà parte. Per le elezioni amministrative - concludono i pentastellati - non c'è scelta migliore che un candidato della società civile."

 

< Articolo precedente Articolo successivo >