Venerd́ 30 Luglio19:18:12
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Zona bianca, Indino:"Rifioriranno tanti pub e birrerie, ma manca ancora riapertura discoteche"

"Non dimentichiamo che sul nostro territorio ci sono autentici professionisti dell’intrattenimento notturno"

Attualità Rimini | 13:13 - 14 Giugno 2021 Gianni Indino, presidente Confcommercio della provincia di Rimini Gianni Indino, presidente Confcommercio della provincia di Rimini.

Con l'ingresso dell'Emilia-Romagna in zona bianca, pub e birrerie potranno ora "dare anche un bel contributo a limitare quella che viene definita la mala-movida giovanile". Il presidente di Confcommercio Rimini, Gianni Indino, esulta per l'abolizione del coprifuoco che permetterà a tutta la Riviera di "ripartire sfruttando le proprie potenzialità turistiche". Senza le attività notturne non può essere nemmeno pensata". E infatti "questo scatto verso la normalità" ha fatto "balzare le prenotazioni per le vacanze estive", aggiunge. La domanda di divertimento, continua, soprattutto da parte dei più giovani, è "fortissima" per cui "ora è il momento di riaprire anche discoteche e sale da ballo, locali che hanno nel proprio Dna la peculiarità di saper gestire numeri imponenti di giovani che vogliono divertirsi, anche investendo molte risorse per adeguarsi a linee guida e protocolli di sicurezza sanitaria". Si tratta di un "ultimo passo, obbligato, verso la normalità" che "permetterebbe di tornare a mettere a sistema tutte le nostre peculiarità di terra del divertimento giovanile". D'altronde, fa notare, "i giovani stanno ballando già dappertutto". La riapertura dei locali da ballo, quindi, ribadisce Indino, sarà "un passo fondamentale anche per l'ordine pubblico": se le "numerose risse scoppiate in vari luoghi dei centri turistici e cittadini" fossero accadute vicino ad un locale aperto, sarebbe scattato subito l'articolo 100 del Tulps, con sanzione e immediata chiusura. Dovrebbe essere una "procedura normale", anche quella dei rinforzi delle forze dell'ordine, conclude Indino chiedendo di valutare la presenza dei rappresentati delle imprese del mondo della notte, delle discoteche e non solo al Comitato per l'ordine pubblico.


 

< Articolo precedente Articolo successivo >