Venerdė 30 Luglio15:48:44
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio D, Rimini-Correggese 3-1. Ricciardi: 'Premiato il coraggio della ripresa. Il rigore? Il fallo era in area'

Il giovane Pari: 'La presenza dei tifosi uno stimolo in più. Siamo stati cinici nella seconda parte' della gara

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 20:08 - 13 Giugno 2021 Fotoservizio Venturini Fotoservizio Venturini.

In sala stampa c'è euforia tra i giocatori. Luca Ricciardi rivive la sua marcatura: “E' stato un gol importante, che ha dato la spinta per vincere questa partita, che nella ripresa abbiamo dimostrato fin dall'ingresso in campo di voler ribaltare. Abbiamo avuto molto più coraggio rispetto alla prima frazione e alla fine questo atteggiamento ci ha premiato. Il mister mi ha spostato mezzala destra con Pari davanti alla difesa. Il fraseggio è stato molto più veloce, quello ci ha premiato”.

La rete?

“Ho ricevuto palla tra le linee, Lugnan mi ha fatto una sovrapposizone liberandomi dall'avversario e ho calciato forte verso la porta. Era Ambrosini davanti al portiere, ma la sua posizione non era di fuorigioco”.

Sul rigore su Casolla del 3-1, il centrocampista dice: “E' una azione da rivedere perchè è stata veloce. Per come l'ho vista io, il piede di Casolla era dentro, è stato bravo a mettersi davanti all'avversario. Il fallo c'era, meno male che l'ha dato. Sul 3-1 abbiamo gestito il match con maggiore tranquillità”. Nel finale Ricciardi ha provato un pallonetto per poco vincente dalla metà campo. “Ho visto il portiere fuori, ci ho provato”.

Niccolò Pupeschi, uscito per un guaio muscolare, dice: “Era una partita assai importante, come lo sono tutte le ultime del campionato. Adesso con un altro piccolo sforzo possiamo raggiungere i playoff, un traguardo che ci dà un po’ di soddisfazione. Per la piazza e il blasone del club i play off credo siano l’obiettivo minimo”.

Infine il baby Alessandro Pari mette l'accento sullo spirito di squadra. “Nella ripresa abbiamo interpretato il match con un altro spirito, ma tutto sommato anche nel primo tempo non abbiamo fatto male: abbiamo creato palle gol, ma siamo stati puniti su una ripartenza e il percorso si è complicato. Nel secondo tempo siamo stati più cinici, più cattivi, più concreti e abbiamo meritato i tre punti che ci danno una bella carica per affrontare la partita di mercoledì contro il Ghivizzano che sarà ancora più decisiva essendo la penultima”.

La tua prestazione è stata positiva...

“Sono contento di come sono entrato, ma non mi devo accontentare, si deve sempre migliorare”.

La sensazione di ritrovare i tifosi?

“I tifosi sono sempre calorosi e quindi giocare davanti a loro è tutt’altra cosa che giocare in uno stadio vuoto. E' sempre una emozione. Nel secondo tempo tutti siamo scesi in campo con una carica diversa”.

ASCOLTA L'AUDIO
< Articolo precedente Articolo successivo >