Mercoledý 23 Giugno00:49:45
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

L'ispezione, la Bottega d'arte sarebbe una discarica abusiva. Coniugi a processo

Tanti i clienti storici che testimonieranno in Tribunale a sostegno dell'artigiano

Cronaca Bagno di Romagna | 08:15 - 14 Giugno 2021 La bottega d'arte sulla via Marecchiese a Pietracuta di San Leo La bottega d'arte sulla via Marecchiese a Pietracuta di San Leo.

In Valmarecchia lo conoscono tutti, un vero artista del recupero: abile a trasformare oggetti come pneumatici di bicicletta e sedie, dando loro una nuova vita. L'uomo, è però finito nei guai assieme alla moglie, amministratore legale della bottega d'arte (questa la ragione sociale), situata sulla strada Marecchiese a Pietracuta di San Leo. Lunedì 7 giugno ha preso il via il processo a seguito del rinvio a giudizio dei due coniugi per violazione della legge ambientale: l'accusa ipotizza che la bottega d'arte sia una discarica abusiva, in quanto nel terreno di proprietà dei due imputati viene accatastato del materiale, peraltro acquistato regolarmente. Non del materiale pericoloso, ma il giudice dovrà verificare se si tratta di rifiuti da smaltire in discarica o, come afferma la difesa (gli avvocati Piero Venturi e Francesco Vasini), materiale da riutilizzare e commercializzare. Tanti i clienti storici della bottega d'arte che testimonieranno in Tribunale, a sostegno della seconda tesi, compresi architetti che si sono serviti delle creazioni dell' artigiano. La difesa prepara anche una consulenza di parte sul materiale.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >