Lunedì 21 Giugno00:40:28
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Santarcangelo, premiati ragazzi e ragazze delle scuole medie che hanno fatto da tutor ai compagni di classe

L’attività ha integrato i corsi di recupero pomeridiani

Attualità Santarcangelo di Romagna | 14:02 - 03 Giugno 2021 La premiazione dei tutor La premiazione dei tutor.

Sono stati premiati i ragazzi e ragazze della scuola media Franchini protagonisti del progetto “Peer to peer”, che nel corso dell’anno scolastico hanno supportato i propri compagni nel recupero di alcune materie scolastiche. La cerimonia è avvenuta in Municipio martedì scorso, 1 giugno.

La sindaca Alice Parma e l’assessora alla Scuola Angela Garattoni, insieme alla dirigente scolastica Giovanna Frisoni e al presidente della fondazione Francolini Franceschi, Maurizio Bartolucci, hanno premiato 27 tra studenti e studentesse di otto classi, sette seconde e una terza.

L’adesione al progetto “Peer to peer” (“Da pari a pari”) è stata proposta, su base volontaria, in tutte le classi dove erano presenti alunni che nella parte iniziale dell’anno scolastico 2020/21 – da settembre a novembre – avevano seguito i corsi pomeridiani per recuperare le insufficienze dell’anno precedente in italiano, matematica, inglese e francese, realizzati con il contributo della fondazione Francolini Franceschi.
 

L’attività degli “alunni tutor”, integrativa rispetto ai corsi di recupero, si è svolta quindi a partire dal mese di novembre: ragazzi e ragazze che si sono offerti volontari hanno supportato uno o più compagni attraverso l’affiancamento in classe, un aiuto nella preparazione delle interrogazioni, contatti pomeridiani via telefono o in video chiamata, particolarmente utili nel caso di alunni in quarantena.
 

“Un ringraziamento a voi – ha detto la sindaca Alice Parma a ragazzi e ragazze presenti – per l’impegno in un anno decisamente particolare, in cui ci avete fatto capire quanto è importante per voi andare a scuola, incontrarvi, condividere tempo e spazi con insegnanti e compagni. L’idea di offrire un supporto ‘alla pari’ è molto efficace e innovativa, oltre che meritevole, quindi potete essere orgogliosi del vostro contributo, che sicuramente lascerà un segno positivo sia in voi sia nei compagni che avete aiutato”.

< Articolo precedente Articolo successivo >