Sabato 19 Giugno12:41:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Agricoltura: Emilia Romagna, in arrivo 400 milioni per il 2021-2022 

Investimenti su competitività, sostenibilità, biologico 

Attualità Emilia Romagna | 16:25 - 31 Maggio 2021 Foto di repertorio, un campo di coltivazione Foto di repertorio, un campo di coltivazione.

Ammontano a circa 400 milioni le risorse a disposizione dell'Emilia-Romagna per il 2021-2022 sul Programma di sviluppo rurale: la Regione sta per rilanciare un piano agricolo e agroalimentare che punta a tenere insieme e soddisfare la crescente domanda mondiale di cibi salubri e di qualità con la necessità di incrementare la produttività e di salvaguardare il reddito degli agricoltori. È questa la road map dell'agricoltura dell'Emilia-Romagna illustrata oggi dall'assessore regionale Alessio Mammi durante il convegno online sulle sfide della nuova Politica agricola comunitaria cui ha partecipato anche il ministro delle Politiche Stefano Patuanelli. "La pandemia che ha sconvolto il mondo - ha detto Mammi - ci ha fatto riscoprire tutta l'importanza dell'agricoltura come fornitrice di prodotti di qualità, in grado di soddisfare la crescente domanda mondiale di cibo". Di qui l'urgenza di "promuovere un piano di rilancio strategico per l'agricoltura nazionale e regionale che guardi ai prossimi 5-10 anni". "Sostenibilità e produttività devono andare a braccetto e dobbiamo riuscire a spendere bene e velocemente le risorse che l'Europa ci metterà a disposizione con il Recovery fund e la nuova Pac, per la quale mi auguro si arrivi presto a un accordo". Tra le priorità della Regione l'impegno per accelerare il ricambio generazionale nei campi e per sostenere ricerca e innovazione, più risorse per l'indennizzo dei danni da fauna selvatica e per l'installazione di sistemi antibrina. Infine, sarà fatto un grande sforzo per la semplificazione normativa e lo snellimento della macchina burocratica, con l'obiettivo di rendere omogeni bandi e investimenti sull'informatizzazione delle procedure.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >