Domenica 13 Giugno18:28:37
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Nuovo metanodotto, "verificare rispetto prescrizioni a tutela dell'ambiente"

I dubbi di Europa Verde: "raccolte segnalazioni dai cittadini di Novafeltria"

Attualità Novafeltria | 15:30 - 22 Maggio 2021 Cantiere metanodotto in Valmarecchia Cantiere metanodotto in Valmarecchia.


Il metanodotto Rimini-Sansepolcro, in via di realizzazione, deve rispettare tutte le prescrizioni contenute nelle autorizzazioni e nel provvedimento di VIA, che hanno autorizzato la cantierizzazione dell'opera che Snam sta realizzando tra l'Emilia-Romagna e la Toscana. Lo ribadisce il gruppo Europa Verde dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna che ha depositato un'interrogazione alla giunta regionale, a seguito di segnalazioni ricevute sul mancato rispetto delle prescrizioni nel tratto di metanodotto che attraversa il comune di Novafeltria.  "Sarebbe grave se non venissero rispettate le prescrizioni vincolanti per la realizzazione del metanodotto afferma Silvia Zamboni, capogruppo di Europa Verde e vicepresidente dell'Assemblea legislativa dell'Emilia-Romagna – Abbiamo raccolto le segnalazioni dei cittadini, che giriamo alla Regione Emilia-Romagna chiedendo che faccia chiarezza. Infine, visto l'alto numero di enti coinvolti dal progetto,  Europa  Verde chiede se sia stata prevista una cabina di regia che sovrintenda e coordini le verifiche di ottemperanza alle prescrizioni di ripristino degli habitat e i relativi controlli per l'intero progetto".    

In particolare, nell'interrogazione si evidenziano le prescrizioni che prevedono di "minimizzare gli impatti derivati dall'esecuzione dell'opera, mediante l'utilizzo di tecniche di ingegneria naturalistica in tutte le interferenze con il reticolo idrografico" e che dovrà "essere prestata la massima attenzione agli aspetti vegetazionali delle zone interessate dall'infrastruttura al fine di ricomporre l'originario assetto morfologico e vegetazionale". E' previsto inoltre particolare attenzione  "alla salvaguardia della vegetazione arborea e arbustiva presente in loco, avendo cura di ricomporre le aree boscate interessate dall'intervento con implementazione di essenze arboree di pronto effetto, di altezza non inferiore a 3,5 metri, opportunamente disposte, fino alla ricucitura dell'area boscata".  

 

< Articolo precedente Articolo successivo >