Mercoledý 23 Giugno19:13:21
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Al cinema Tiberio di Rimini il film documentario su Banksy

Appuntamento lunedì 24, martedì 25 e mercoledì 26 maggio

Eventi Rimini | 13:21 - 22 Maggio 2021 "Banksy - l’arte della ribellione" al cinema Tiberio di Rimini "Banksy - l’arte della ribellione" al cinema Tiberio di Rimini.


Al Cinema Tiberio lunedì 24 (ore 20.30), martedì 25 (ore 17 e ore 20.30) e mercoledì 26 maggio (ore 15.30) ritorna la grande arte con la prima visione del film-documentario di Elio Espana Banksy - l’arte della ribellione (biglietti interi € 10, ridotti € 9, ridotti Tiberio Club € 8).

Tutti conoscono Banksy. E in tanti lo amano. È talmente noto che il termine “the Banksy effect” è diventato ormai un detto comune. L'”effetto Banksy” ha spopolato da anni e non cessa di espandersi. Lo street artist inglese è di fatto patrimonio della cultura e dell’immaginario popolare collettivo come una pop star, o come un politico. Banksy - L’arte della ribellione diretto da Elio España, è una riprova che di questa figura, ormai non più così misteriosa, c’è sempre qualcosa da raccontare. A differenza di altri film come Exit through the gift shop, diretto dall’artista stesso, ma che rimane un escamotage per narrare un altro provocatore quale è Mr. Brainwash con le sue dubbie opere, o l’italiano L’uomo che rubò Banksy di Marco Proserpio dello scorso anno, che si concentra sull’opera “rubata” da un muro – ora famosissimo – in Palestina, Banksy – L’arte della ribellione cerca di addentrarsi nella figura del graffitaro in maniera più approfondita. Il documentario infatti utilizza l’artista di Bristol per sviluppare una sintesi sulla storia dell’Inghilterra attraverso alcuni capisaldi socio-politico-culturali. Dagli allarmanti movimenti in strada del 1979, dove i giovani attuavano una rivoluzione contro il bigottismo e le catene comportamentali di Margaret Tatcher, alla nascita delle varie sottoculture underground che facevano capolino dalle discoteche e dai locali inglesi in cui iniziava a farsi sentire la musica punk, e poi quella tecno insieme alle varie sperimentazioni chimiche legate agli acidi e alla LSD, fino allo scoppio delle mode accreditate dal pubblico e dalla massa. E Banksy era li, acuto osservatore e ironica cartina tornasole.

Al film è abbinato, con inizio mezz’ora prima del film, il cortometraggio L’estasi di Oleg di Francesco Selvi.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >