Venerdì 18 Giugno09:07:55
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ubriachi, risse e poca sicurezza: i timori degli imprenditori di Borgo Marina

Incontro organizzato da Zeinta di Borg per fare il punto sulle criticità della zona

Attualità Rimini | 11:39 - 21 Maggio 2021 Borgo Marina Borgo Marina.

Si è tenuto ieri (giovedì 20 maggio) il settimo incontro organizzato da Zeinta di Borg con gli imprenditori e commercianti di Rimini, per l'occasione del quartiere Borgo Marina. Tra i problemi condivisi in primis è emersa la mancanza di sicurezza e ordine pubblico: ubriachi e risse giorno e sera – spesso sbandati provenienti dalla Caritas o dalla stazione, hanno evidenziato i partecipanti - , assembramenti e spaccio a tutte le ore.Gli imprenditori di Borgo Marina chiedono così un’illuminazione più adeguata, panchine dove sedersi, telecamere in zona e un adeguato presidio delle forze dell'ordine. Anche l'accesso alla Moschea, è stato fatto notare, deve avvenire nel rispetto dei protocolli anti Covid, per evitare assembramenti. I partecipanti hanno evidenziato, ad ogni modo, che la Moschea dovrebbe essere collocata in una zona più idonea di Rimini, come richiesto da tempo da Al Tawhid, l'associazione culturale islamica.

Per ciò che concerne lo stato del tessuto economico della zona, i partecipanti all'incontro hanno lamentato la perdita di valore di case e attività economiche: mancano parcheggi e alcune auto e furgoni restano parcheggiati nei pochi posti bianchi per dei mesi. La riqualificazione dell’area della stazione, opera di grande importanza, ha inoltre ristretto la strada e le attività stanno lavorando molto meno. Dall'incontro è emersa una prima proposta: una collaborazione con la Facoltà di Moda di Rimini per abbellire le vetrine in via Giovanni XXIII, i negozianti stranieri si sono resi disponibili ad allestirle e migliorarle in sinergia con gli studenti esperti di vetrinistica per abbellire questa strada che dal mare porta in centro.

Tra le note positive, emerse dall'incontro, l'apprezzato restauro di Porta Galliana e la nascita di  nuovi locali, come l’Artrov e lo Chalet Corso 23, che hanno portato "lustro alla zona".

 

< Articolo precedente Articolo successivo >