Luned́ 21 Giugno00:50:42
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Violenza contro le donne, a Rimini la prima panchina rossa in una scuola

E' stata inaugurata di fronte all'ingresso dell'Einaudi Molari

Attualità Rimini | 13:28 - 18 Maggio 2021 Presenti la vicesindaca Gloria Lisi, la dirigente Maria Rosa Pasini, oltre ai docenti e gli studenti coinvolti nel percorso formativo Presenti la vicesindaca Gloria Lisi, la dirigente Maria Rosa Pasini, oltre ai docenti e gli studenti coinvolti nel percorso formativo.


È stata inaugurata di fronte all'ingresso dell'Isiss 'Einaudi Molari' la prima panchina rossa, simbolo della lotta alla violenza sulle donne, posizionata di fronte ad una scuola di Rimini. "I giovani sono molto più preparati di tanti adulti a riconoscere le differenze e a rispettarsi tra di loro", spiega la dirigente scolastica del plesso, Maria Rosa Pasini, per la quale il lavoro fatto con i giovani su questo tema "è stato molto efficace, perché comprendano ancora meglio il problema e si comportino in maniera corretta tra di loro". "Spesso è preso sottogamba come tema", racconta la studentessa e rappresentante d'istituto Gaia Mami, "quando invece anche dietro un sorriso ci può essere del dolore. Purtroppo è un tema che le ragazze solitamente sentono sempre in prima persona". Il suo collega Fabio Ugiccioni, entrambi sono 18enni, afferma: "Sono convinto che l'educazione arrivi in primis dall'infanzia. Occorre soprattutto insegnare ai ragazzi che bisogna rispettare le donne e diminuire sempre di più le diseguaglianza di genere". Nel 2020, durante i mesi del primo lockdown, si è registrato in Emilia-Romagna un boom di chiamate al numero verde antiviolenza. Donne che chiedevano aiuto, protezione o consulenza in numero doppio rispetto allo stesso periodo del 2019. "Possiamo anche attraverso il contrasto agli stereotipi di genere mandare un messaggio molto chiaro - ha detto a margine il presidente dell'Assemblea legislativa regionale, Emma Petitti - che è quello che anche dai primi comportamenti tra i ragazzi possono nascere degli atti di violenza e noi dobbiamo combattere tutto ciò".

 

< Articolo precedente Articolo successivo >