Domenica 20 Giugno01:21:33
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Basket D, Rose&Crown piega il Selene con una bomba di Zannoni: 64-61

I Tigers pur decimati vincono una gara incredibile ma con merito all'ultimo respiro

Sport VillaVerucchio | 15:42 - 13 Maggio 2021 Giacomo Zannoni (foto Alfio Sgroi) Giacomo Zannoni (foto Alfio Sgroi).

Partiamo dal finale. Al cardiopalma, vietato ai deboli di cuore. A 1”26 dalla fine, il tabellone recita 54-54. Rose&Crown Villanova Tigers e Selene S. Agata rispondono colpo su colpo, poi T. Guiducci cattura un rimbalzo difensivo e innesca S. Buo. Fallo, il play classe 2004 va in lunetta ma fa solo ½. Tigers +3 (59-56) a “22 dal fischio. A Montigiani dalla linea della carità non trema la mano, e riporta Selene a -1 a “13. Mani addosso, D. Buo in lunetta regala un nuovo possesso pesante di vantaggio ai padroni di casa quando sul cronometro mancano appena nove secondi. Selene consegna palla a Goi che dall’arco e marcato spara la bomba che vale il 61-61. Finita? Tre secondi e spiccioli nel basket sono ben più di un sospiro. Time out Tigers, coach Evangelisti disegna lo schema, S. Buo esegue la rimessa per Zannoni: tripla di tabella che fa esplodere di pazza gioia la Tigers Arena: 64-61. Vincono i Tigers, e con merito, Selene S. Agata torna sconfitta ma senza demeritare.

I Tigers, già a ranghi ridotti, perdono A. Buo e Campidelli, e partono nello starting five con F. Guiducci “steccato” alla mano destra. Selene parte forte: 0-4 ospite, ma capitan Zannoni si issa la squadra sulle spalle e supportato da T. Guiducci e Bollini riporta avanti i biancoverdi: 17-10.

S. Agata recupera il gap, e coach Evangelisti si vede costretto a rifugiarsi in time-out. Scelta efficace, perché Villanova c’è e con D. Buo sugli scudi si porta a +10 (29-19). Dapozzo dall’arco tiene in piedi gli ospiti: 35-26.

Villanova continua ad affidarsi ad una aggressiva zone-press, ma tra gli ospiti sale di tono Goi: coadiuvato da Scaccabarozzi, colma il gap: 44-42.

Tutto rimandato agli ultimi 10’ finali. Villanova sembra averne di più, mantiene 5 punti di vantaggio, ma Montigiani prima e le triple di Dapozzo poi colmano il gap: 50-48. I Tigers sono giovanissimi (19,4 di media età) ma non tremano. La gara è punto a punto fino all’incredibile, emozionante finale che vale la vittoria per i Tigers, ora secondi in classifica con 6 punti.

“Faccio i complimenti a tutti i ragazzi, e specialmente a quelli che nemmeno sono entrati in campo: sono stati i primi a incitare i compagni e a crederci. E tutti hanno gettato il cuore oltre l’ostacolo. – commenta orgoglioso coach Evangelisti – Conoscevamo le difficoltà della gara, e che in qualche parte del campo fisicamente avremmo sofferto, ma il piano-partita è stato applicato. Non ci siamo demoralizzati, neppure quando ci hanno ‘bucato‘ dalla distanza, siamo stati bravi a non lasciargli il ritmo. E li abbiamo tenuti a 60 punti. Potevamo gestire meglio vantaggio, ma le rotazioni erano corte ed era prevedibile che nella ripresa qualche giocatore si infiammasse come Goi (grande tripla finale con uomo addosso) e Dapozzo (quattro triple). Siamo stati avanti per tutta la gara, è una vittoria meritata, con due ragazzini in cabina di regia di 16 e 17 anni”.

Vittoria dedicata dalla squadra al direttore sportivo, Simone Stargiotti: proprio ieri: “Stargate” compiva 43 anni.

Il tabellino

Rose&Crown Villanova – Selene S. Agata 64-61

Villanova Tigers: Zannoni 27, Bollini 9, D. Buo 16, S. Buo 5, Gnoli 2, T. Guiducci 4, DellaPasqua, F. Guiducci 1, Bartolucci, Parri ne Brolli ne. All: Cristian Evangelisti

Selene S. Agata: Piazza 4, Scaccabarozzi 5, Montigiani 10, Goi 20, Dalpozzo 13, Battistini 3 Angeli 2 Cervellara 4, Tarroni. All. Dapozzo

PARZIALI: 17-10; 35-26, 44-42

< Articolo precedente Articolo successivo >