Venerd́ 18 Giugno08:56:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio D, Rimini-Prato 0-1. Mister Mastronicola: 'Nel finale ci è mancata malizia e astuzia'

Il tecnico: 'L'espulsione ci ha condizionato: sull'azione del rosso a Canalicchio eravamo disposti male'

ASCOLTA L'AUDIO
Sport Rimini | 19:46 - 09 Maggio 2021 Alessandro Mastronicola all'uscita dal campo (foto Venturini) Alessandro Mastronicola all'uscita dal campo (foto Venturini).

E' bruciante la sconfitta interna contro il Prato (0-1). Sul filo di lana il Rimini - sotto gli occhi del responsabile dell'area tecnica Girgio Bresciani che ha visto il match al fianco del presidente Alfredo Rota - si è fatto beffare dopo aver resistito all'assalto finale dell'avversario che pure ha giocato la ripresa con un uomo in più quando, in dieci, sembrava di aver scampato il pericolo. La squadra Mastronicola era riuscita a difendersi, ma all'ultimo respiro è caduta in maniera ingenua: Sanat – il giocatore che ha fatto soffrire di più i biancorossi - sulla trequarti ha avuto spazio e tempo di servire Tavano dentro l'area tutto spostato sulla destra. Il bomber, colpevolmente marcato a distanza, ha preso la mira e si è inventato un colpo de suoi. Un tiro di destro a giro che non ha lasciato scampo al portiere Adorni beffato sul palo più lontano. Una prodezza, ma il Rimini deve battersi il petto per come ha gestito il finale.

“In effetti ci è mancata come altre volte un po' di furbizia, di astuzia, avremo dovuto rallentare il gioco, essere un po' più sporchi – spiega il tecnico Alessandro Mastronicola - L'espulsione ha condizionato e non poco la nostra gara. Siamo stati organizzati e ordinati per tutto il secondo tempo, il pallino del gioco l’aveva più il Prato, che però ha avuto poche occasioni. In realtà sembrava che pur soffrendo tanto in alcune circostanze potessimo portare a casa un risultato. Purtroppo non è successo e siamo qui ad analizzare una sconfitta”.

Rifarebbe il cambio alla fine di Diop per Vuthaj? Non sarebbe stato meglio rinforzare la difesa?

“Farei gli stessi cambi che ho fatto. Avremmo preso ugualmente gol”.

L'episodio della espulsione?

“Ci siamo fatti trovare messi male: siamo scappati in ritardo”.

Nonostante il cammino incerto, siete ancora nei playoff...

“Dobbiamo fare più punti possibile. Rischia di compromettere i playoff questa sconfitta. Sono il primo ad essere consapevole che arrivare ai play off sarebbe comunque da stagione deludente, ma non arrivarci sarebbe peggio”.

QUI PRATO Sull'altra sponda Aldo Firicano non ha dubbi: “Vittoria meritata, abbiamo giocato meglio e che il risultato rispecchia quanto visto in campo. Un po’ di fortuna c’è stata perché il gol è arrivato nel recupero, ma non dice una bugia quel gol. E' vero che l’espulsione ci ha agevolato, ma era inequivocabile”.

Di solito Tavano non gioca 90 minuti. L'ha tebnuto in campo fino alla fine perché sperava in un suo guizzo?

“E' così, Tavano ha 42 anni, è un grande professionista e un grande giocatore. Ha realizzato un gol di qualità. In una precedente occasione ha tirato alto, si è tenuto il colpo in canna... Ora siamo anche noi in ballo per i playoff, con il cambio di proprietà c’è stata una svolta storica nel club che era di proprietà della famiglia Toccafondi da 42 anni. Speriamo che il Prato possa tornare in futuro ai fasti antichi”.

ste.fe.

ASCOLTA L'AUDIO
< Articolo precedente Articolo successivo >