Venerd́ 25 Giugno13:39:51
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

E' amministratore di sostegno della madre, ma le fa sparire 40mila euro dal conto

Un professionista riminese ha presentato denuncia, contro l'avvocato che aveva assunto l'incarico di amministratore di sostegno della donna

Cronaca Rimini | 07:18 - 10 Maggio 2021 A insospettire il figlio della donna erano stati i prelievi non giustificati emersi dall'estratto conto A insospettire il figlio della donna erano stati i prelievi non giustificati emersi dall'estratto conto.

Quarantamila euro spariti dal conto corrente e dal libretto di risparmio dell'anziana madre, somme prelevate tra l'aprile e il dicembre 2019. Un professionista riminese ha così presentato denuncia, nel febbraio 2020, contro l'avvocato che aveva assunto l'incarico di amministratore di sostegno della donna. A distanza di un anno e tre mesi non ci sono ancora novità di rilievo: l'indagato esercita ancora le stesse funzioni, con la possibilità che altre persone possano rimanere vittime di fatti analoghi. Dall’ incarico di amministrazione di sostegno nella vicenda è stato rimosso a distanza di diversi mesi. L'ipotesi di reato è il peculato, in quanto l'amministratore di sostegno, nominato dal giudice, svolge funzioni equiparabili a quelle di un pubblico ufficiale. A insospettire il figlio dell'anziana erano stati i prelievi non giustificati emersi dall'estratto conto di dicembre 2019.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >