Mercoledė 23 Giugno02:53:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Ci sarà anche l'azzurra Letizia Paternoster alla partenza della Granfondo Squali

Con lei anche Giulio Molinari uno dei più forti triatleti italiani sulle lunghe distanze

Sport Cattolica | 13:49 - 06 Maggio 2021 Letizia Paternoster Letizia Paternoster.

La ciclista trentina sarà la madrina della Granfondo Squali Trek in programma a Cattolica e Gabicce Mare domenica 16 maggio. L’azzurra che punta ai giochi olimpici di Tokyo sarà in griglia a fianco di Paola Pezzo che di ori a cinque cerchi ne ha vinti ben due. Con loro Justine Mattera, la showgirl sempre più votata al ciclismo su strada. A cavalcare le colline tra Romagna e Marche anche i fratelli Alex e Denny Lupato, prestati dall’enduro alla strada, e Giulio Molinari uno dei più forti triatleti italiani sulle lunghe distanze. Conclude la starting list della scuderia Trek l’ex pro su strada Alessandro Vanotti e il milanese Fabio Anobile che punta a un podio alle Paraolimpiadi giapponesi. Nei giorni che precedono la Granfondo Squali sarà possibile toccare con mano le novità Trek della stagione, tra cui le bici a pedalata assistita dedicate a una moderna mobilità urbana e non solo.

È una macchina organizzativa lanciata a tutta velocità quella che domenica 16 maggio metterà in scena la sesta edizione della Granfondo Squali Trek, manifestazione ciclistica con partenza da Cattolica e arrivo a Gabicce Monte dopo 93 chilometri e poco meno di 1.500 metri di dislivello. Un evento atteso per l’importante segnale di ripartenza e di avvio verso una normalità tanto auspicata e che vedrà al via alcuni dei nomi della scuderia Trek Italia, title sponsor dell’evento.

DONNE SEMPRE PIU’ IN BICI

Sarà Letizia Paternoster a presenziare in qualità di madrina della granfondo: l’atleta del team Trek Segafredo è nel pieno della preparazione in vista delle prove in pista dei Giochi Olimpici di Tokyo. Al suo fianco nella griglia di partenza, una biker che di medaglie olimpiche ne ha vinte non una, bensì due: Paola Pezzo, regina della mountain bike ad Atlanta 1996 e Sydney 2000. Infine, che il ciclismo su strada sia sempre più glamour e attraente anche per il pubblico femminile, lo vediamo ogni giorno sulle nostre strade: se c’è una presenza crescente di donne all’interno “del gruppo” è anche grazie a personaggi come Justine Mattera che ha scelto il ciclismo e il triathlon come discipline di riferimento. La italo newyorkese, ma ormai cittadina milanese a tutti gli effetti, sarà al via in sella alla sua Trek Émonda.

UOMINI A TUTTO GAS

Del mondo enduro sono i più grandi interpreti nel panorama italiano, ma i fratelli piemontesi Alex e Denny Lupato non disdegnano lunghi allenamenti anche con le loro bici da strada, e così li vedremo al via della granfondo insieme ad Alessandro Vanotti, l’ex professionista per oltre dieci anni è stato fidato gregario di Vincenzo Nibali. Ai blocchi di partenza anche il milanese Fabio Anobile, medaglia di bronzo nel ciclismo su strada alle Paraolimpiadi di Rio de Janeiro 2016 e che punta a migliorarsi ai prossimi giochi olimpici giapponesi. Conclude la parata dei testimonial Trek ai blocchi di partenza della granfondo il novarese Giulio Molinari, da diverse stagioni il triatleta di riferimento nel panorama italiano sulle lunghe distanze.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >