Martedý 18 Maggio06:43:37
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Pandemia e crisi, i sindaci di Coriano e San Leo chiedono meno lentezza

"San Marino libera i suoi cittadini" dicono Leonardo Bindi e Domenica Spinelli "Lo stallo Europeo è incomprensibile e inaccettabile"

Attualità San Leo | 08:26 - 28 Aprile 2021 Leonardo Bindi Sindaco di San Leo e Domenica Spinelli Sindaco di Coriano Leonardo Bindi Sindaco di San Leo e Domenica Spinelli Sindaco di Coriano.

I comuni di Coriano e San Leo guardano verso la vicina repubblica di San Marino che, con la propria campagna vaccinale, "libera i suoi cittadini". In una nota stampa i sindaci Leonardo Bindi e Domenica Spinelli puntano il dito contro la mancata possibilità di utilizzare il vaccino Sputnik-V come a San Marino "In Italia non è ancora utilizzabile perché manca l’approvazione di EMA. E dunque AIFA è messa in un angolo ad aspettare l’agenzia Europea." si legge nella nota congiunta dei due primi cittadini "Lo stallo Europeo è incomprensibile e inaccettabile, ancor più se si pensa che la competenza in materia è nazionale, Infatti se oggi è l’Europa che sta decidendo questo è solo in virtù di un recente accordo tra gli Stati membri che aveva la finalità di garantire maggiore efficacia. Peccato che dell’efficacia non ci sia traccia."
I due sindaci citano la Costituzione " L’art. 117 chiarisce infatti che i rapporti internazionali, quelli con l'Unione Europea delle Regioni  e la tutela della salute sono competenza concorrente tra Stato e Regioni. E dunque perché le Regioni e i comuni dovrebbero stare a guardare?"

I sindaci sono al lavoro in emergenza "ogni giorno chiamati alle nostre responsabilità. I nostri operatori economici ci chiedono di poter partire in sicurezza."
Per Spinelli e Bindi la strada per uscire da pandemia e crisi è tracciata: "una campagna vaccinale efficace e aiuti, che non si possono esaurire con i contributi economici, ma che devono essere assolutamente accompagnati da un adeguato aggiornamento normativo per tutte le imprese. Serve sicurezza basata su protocolli precisi che non lascino spazio ad interpretazioni fantasiose ma che permettano una rapida organizzazione di tutte le attività economiche. Quindi EMA spinga l'acceleratore e il ministro Speranza si decida a firmare l'accordo con la Repubblica di San Marino affinché  siano vaccinati con le dosi provenienti dall'Italia i 6500 frontalieri. Non possiamo rassegnarci, servono decisionismo e velocità perché dietro la lentezza l'Italia si spegne."

< Articolo precedente Articolo successivo >