Luned́ 10 Maggio07:30:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Rimini, il futuro dopo il diploma: i consigli di Scegliere Attivamente

Laboratorio gratuito di orientamento per gli studenti delle superiori

Attualità Rimini | 11:20 - 27 Aprile 2021 Immagine di repertorio Immagine di repertorio.

Cosa fare dopo il diploma? Per fornire un aiuto nel dare una risposta a questa fatidica domanda nasce il progetto "Scegliere AttivaMente", un laboratorio di orientamento "last minute" per gli studenti delle scuole superiori.  

L'orientamento serve soprattutto in alcune delicate fasi di passaggio, come quella al termine della scuola superiore.

Fare scelte consapevoli, sapere progettare il proprio futuro, dosare con equilibrio desideri e interessi personali con l'offerta formativa esistente e le richieste del mercato del lavoro: tutto questo è la prima garanzia per intraprendere percorsi di apprendimento e professionali soddisfacenti.

Oltre che essere un'efficace forma di prevenzione contro fenomeni quali l'abbandono universitario, la disoccupazione giovanile o quello dei Neet (giovani che non studiano, non sono in formazione e non lavorano), che in Italia raggiunge livelli non proprio rassicuranti (secondo Eurostat il 23,2% in Italia nella fascia tra i 18 e i 24 anni).

Per sostenere i ragazzi nella scelta post diploma, "Scegliere AttivaMente" mette a loro disposizione un laboratorio gratuito in cui, con l'aiuto di uno psicologo orientatore, possono mettere a fuoco le proprie risorse e definire obiettivi per il proprio futuro.

Il tutto in tre incontri pomeridiani, on line, programmati per venerdì 30 aprile, mercoledì 5 maggio e lunedì 10 maggio. Qui il link per vedere il programma di dettaglio e iscriversi al laboratorio.

Scegliere Attivamente è un progetto per favorire l'orientamento e il successo formativo di ragazzi dai 12 ai 19. E' promosso dalla Provincia di Rimini e finanziato dalla Regione Emilia-Romagna tramite il Fse, in collaborazione con Consigliera di Parità, Ufficio scolastico, enti di formazione, Camera di commercio, enti locali, organizzazioni sindacali e di categoria. 

< Articolo precedente Articolo successivo >