Domenica 09 Maggio04:06:30
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Prima infastidiscono una ragazzina, poi l'aggrediscono. Fermati due sammarinesi

E' accaduto domenica scorsa a Borgo Maggiore di San Marino. L’accusa è di violenza privata ai danni di una minorenne

Cronaca Repubblica San Marino | 11:11 - 16 Aprile 2021 Le pattuglie della Gendarmeria Le pattuglie della Gendarmeria.

Accerchiano e danno fastidio ad una minorenne in pieno giorno a San Marino. I fatti sono avvenuti domenica pomeriggio a Borgo Maggiore. La giovane è stata avvicinata da due ventenni che hanno iniziato ad infastidirla. La ragazza, in difficoltà, è stata soccorsa da altri quattro amici minorenni. Gli under 18 sono riusciti a vedere bene gli aggressori, prima della loro fuga, e hanno fornito una descrizione accurata alla Polizia Civile e alla Gendarmeria. I due ventenni sono stati trovati quasi subito dalle forze dell'Ordine. Alla loro vista i ragazzi non si sono fermati, hanno opposto resistenza e hanno offeso gli agenti. Sono stati bloccati, portati al comando e denunciati. Si trovano ora in carcere a San Marino. Le indagini sono ancora in corso.

"Alla luce del recente grave fatto di cronaca" si legge in una nota dell'Authority Pari Opportunità sammarinese "l’Authority Pari Opportunità ritiene doveroso sottolineare la sua presenza a fianco dei Servizi e delle Forze dell’Ordine, nonché la completa fiducia nel nostro sistema giudiziario da sempre attento e scrupoloso e da sempre presente nella lotta contro la violenza di genere. L’Autority vuole richiamare il sostegno della comunità sensibile e attenta a questo tipo di fenomeni, invitandola a stringersi attorno alle vittime, astenendosi da giudizi e da commenti sommari, che possano nuocere in qualsivoglia maniera alle vittime. In un Paese piccolo come il nostro, la voce seppur di poche persone ha una risonanza sociale potente, tale da creare pesanti danni psicologici, al pari di una sentenza. È quindi indispensabile, almeno fino all’accertamento dei fatti, affidarsi allo scrupoloso lavoro delle Autorità preposte. Auspichiamo quindi che, davanti a questi gravi eventi, la cittadinanza dimostri la sua solidarietà alle vittime, astenendosi da qual si voglia illazione sull’accadimento."

< Articolo precedente Articolo successivo >