Domenica 11 Aprile01:18:16
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Al via i cantieri per nuove opere: ecco tutti i cambiamenti sulla grande viabilità di Rimini

Dalla Statale 16 alla Circonvallazione di Santa Giustina. Gnassi e Corsini: "2021, l’anno dell’apertura dei cantieri"

Attualità Rimini | 13:44 - 08 Aprile 2021 Lavori stradali, foto di repertorio Lavori stradali, foto di repertorio.

I mesi compresi tra la primavera e l’autunno del 2021, vedranno l’apertura di cantieri e la fase conclusiva della progettazione per opere nuove e strategici interventi di manutenzione straordinaria riguardanti i grandi assi viari di accessibilità alla città di Rimini. Sono lavori attesi che permetteranno un incremento sensibile della sicurezza stradale e, allo stesso tempo, un deciso decongestionamento di strade statali, spesso in sofferenza specie nella stagione turistica. 

Il quadro della situazione

2021 Rotatorie Repubblica di San Marino / Montescudo Coriano. Statale 16 ‘Adriatica’: l’appalto per gli interventi è a carico di Autostrade per l’Italia. L’aggiudicazione dei lavori all’azienda CBR è avvenuta lo scorso 17 marzo e sono già in corso le attività propedeutiche all’apertura vera e propria del cantiere: risoluzione interferenze sottoservizi, bonifica bellica, indagini archeologiche. L’obiettivo concreto è l’avvio ufficiale dei lavori entro il mese di maggio 2021, con la consegna parziale di alcune aree di intervento. Per armonizzare gli step e il crono programma è stata è istituita, per il Comune di Rimini, una cabina di regia con ASPI - ANAS - Regione e Comune di Rimini, che ha il compito di coordinare le attività sia in fase preliminare all'avvio dei lavori che in fase esecutiva delle opere. Si ricorda che, in territorio comunale, saranno realizzate due rotatorie sull’Adriatica, all’altezza degli incroci con la consolare San Marino (ss72) e via Coriano (Sp41), che andranno ad eliminare gli impianti semaforici attualmente presenti. Inoltre, si interverrà attraverso la realizzazione di cinque sottopassi (all’altezza di Via della Fiera; Via Covignano; via Coriano; SS72, via Euterpe) e di un percorso ciclopedonale in località Padulli-Covignano, in modo da andare a ricucire le fratture tra la città a mare e a monte della Statale Adriatica. L'idea che sta emergendo dalla cabina di regia è quella di anticipare i lavori dei sottopassi. Il tutto compatibilmente con gli aspetti procedurali e le verifiche tecniche che accompagnano gli interventi.  

2021 Dopo l’odissea, l’anno dei lavori. Nuova Circonvallazione via Emilia- Santa Giustina: l’appalto per gli interventi è a carico di ANAS. Ad aprile partiranno le notifiche ai privati per l'avvio della procedura espropriativa che, in base alla legge regionale, avranno 60 giorni di tempo per avanzare osservazioni. Presumibilmente entro luglio 2021, ANAS presenterà istanza presso gli uffici ministeriali competenti per l'avvio della Conferenza di Servizi per l'acquisizione dei pareri di legge. L’obiettivo è di concludere la procedura e procedere al bando di gara per i lavori entro l’autunno 2021. Entro fine anno, se i livelli ministeriali e ANAS rispetteranno impegni, partono interventi propedeutici al cantiere. Si ricorda che nel 2017 il Comune di Rimini, vedendosi negare la possibilità di procedere autonomamente per accelerare tempi e realizzazione, aveva accettato la proposta della Regione e dell’Anas, condivisa dalla Provincia di Rimini e dal Comune di Santarcangelo di Romagna, di inserire la nuova circonvallazione di Santa Giustina nella rete nazionale pensandola come variante alla Strada Statale n. 9 come soluzione alternativa all’attraversamento dell’edificato. Più volte, in questi anni (2014 e 2015), il Comune di Rimini ha accelerato la parte di sua competenza per stimolare le autorità nazionali competenti a chiudere la procedura amministrativa e a aprire i cantieri per un'opera tanta attesa dalla comunità locale. I prossimi 6 mesi dovranno essere necessariamente quelli della chiusura della parte burocratica.  

Rotatoria SS16 – 2021 Via Cav. Vittorio Veneto/Aeroporto: Il progetto è stato pubblicato sul BUR e il giorno 16 aprile ci sarà la prima seduta della conferenza dei servizi. Obiettivo è avviare i lavori entro il secondo semestre 2021. L'intersezione tra Via Cavalieri di Vittorio Veneto e la statale 16 rappresenta uno snodo importante nel collegamento mare e monte della zona di Rimini Sud ed è attualmente regolata da uno svincolo a raso a tre rami. Attraverso la realizzazione della rotatoria si andrà a snellire, fluidificare e mettere in sicurezza l'intersezione, con un'attenzione all'inserimento paesaggistico della nuova infrastruttura grazie ad una maggiore copertura vegetativa lato mare, aumentando così anche la capacità di abbattimento degli inquinanti atmosferici. Il progetto è finanziato coi Fondi Sviluppo e Coesione 2014 – 2020 e fa parte di una serie di interventi dedicati alla messa in sicurezza SS16 in corrispondenza dell'attraversamento del centro abitato di Rimini. L'area dell'Aeroporto e di Miramare è infatti al centro di un programma integrato di progettualità che mira all'innalzamento del livello di sicurezza di una delle più trafficate arterie stradali del territorio e che punta a realizzare uno dei principali hub intermodali della città, porta di accesso a sud.  

Rotatoria SS16 - Via G. Verenin. Viserbella 2021: È stato approvato in consiglio comunale il progetto definitivo con variante urbanistica ed espropri. È in fase di completamento il progetto esecutivo. Avvio lavori nei mesi autunnali dell’anno in corso. Un’opera necessaria per snellire, fluidificare e mettere in sicurezza l’attuale intersezione, che rientra nel “Piano Operativo Fondo Sviluppo e Coesione (FSC) Infrastrutture 2014-2020 - Messa in sicurezza SS16 in corrispondenza dell’attraversamento del centro abitato di Rimini”. Il progetto riguarda la realizzazione di una rotatoria sulla Statale 16 all’altezza di Via Grazia Verenin a sostituzione dell’attuale incrocio. Sarà inoltre rivista la viabilità di accesso alla zona abitata a monte della SS16 e sarà realizzato un sottopasso ciclopedonale per migliorare i collegamenti mare-monte. L'opera assume un peso strategico importante per la viabilità della zona di Rimini Nord. La via Verenin infatti è l'unica arteria di collegamento al mare che sovrappassa la rete ferroviaria Rimini-Ravenna. Nella zona di intervento inoltre sono presenti diverse unità abitative a cui al momento si può accedere solo attraverso la Statale. Con il progetto si andrà quindi a realizzare una nuova strada innestata alla rotatoria proprio a servizio di quei residenti.  

Sottopasso su SS16, Rivazzurra 2021, in corrispondenza del parco tematico ‘Fiabilandia’. L’intervento sarà realizzato tramite gli oneri versati da un’azienda privata che in quel quadrante urbano sta realizzando struttura commerciale. Il progetto è già in fase di redazione e anche in questo caso l’ipotesi è quella di avviare i lavori nell’autunno 2021. Il progetto del sottopasso si inserisce in una progettualità più ampia di messa in sicurezza dei percorsi ciclabili e pedonali a mare e a monte della SS16 volti anche a migliorare la sicurezza e l’accessibilità ai campi da calcio di Rivazzurra posti a monte della SS16. 

“Nei prossimi mesi - spiega il sindaco di Rimini, Andrea Gnassi- verranno avviati interventi che andranno a elevare la qualità e la sicurezza strutturali della grande rete viaria e di accesso da e per la città di Rimini. Ciò andrà a incrociare e integrare le opere già realizzate della viabilità più interna alla città, migliorando l’impatto ambientale e la percorribilità delle strade. Si tratta di interventi attesi, e non da oggi, concretizzati dalle autorità nazionali competenti dopo anni (a volte francamente troppi) di moral suasion e anche di giustificate polemiche da parte della popolazione e degli enti locali. Se da una parte possiamo essere soddisfatti della conclusione di molte di queste procedure pluriennali, dall’altra l’esperienza ci fa dire e ci insegna come non si possa brindare fino all’ultimo. Prendiamo ad esempio la vicenda della circonvallazione di santa Giustina. Qui il Comune ha sveltito al massimo, negli scorsi anni, i suoi processi decisionali di competenza, stabilimento le modifiche progettuali decise insieme alla popolazione e offrendo perfino la disponibilità ad intervenire direttamente. E’ ANAS che per legge deve intervenire ma come Comune di Rimini e Regione Emilia-Romagna stiamo quotidianamente con il fiato sul collo sulla società affinché quell’intervento possa partire nei prossimi mesi.”  
 

“L’apertura di cantieri per migliorare la viabilità - afferma l’assessore regionale a Infrastrutture e Turismo, Andrea Corsini - e quindi rendere il traffico più fluido a beneficio della qualità dell’aria e della mobilità dei cittadini è sempre una buona notizia. E lo è ancora di più in un momento delicato, come quello che stiamo ancora vivendo, di chiusure dovute all’emergenza sanitaria. Significa creare occupazione e investimenti importanti per la comunità. E non solo, perché vuol dire anche mettere le basi per programmare il nostro futuro ed essere pronti fin da subito ad agganciare la ripartenza. Un elemento cruciale per un territorio, come il Riminese, che è una delle più grandi destinazioni turistiche d’Europa e deve essere tra i protagonisti della ripresa economica dell’intera Emilia-Romagna. La Regione, come sempre, è pronta a fare la sua parte al fianco delle amministrazioni locali”.  
 

< Articolo precedente Articolo successivo >