Domenica 11 Aprile01:30:22
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Cosa indica la volatilità nei mercati finanziari

Una parola usata molto spesso nel settore dei mercati finanziari

Attualità Nazionale | 07:53 - 07 Aprile 2021 Grafico mercato finanziario Grafico mercato finanziario.

Nel settore dei mercati finanziari la parola volatilità è usata molto spesso. Leggendo articoli di finanza la troviamo all’interno di frasi dove si evidenzia che “la volatilità del mercato è diminuita”, mentre in alcuni casi al contrario si dice che è aumentata. Queste particolari situazioni dei mercati finanziari vengono analizzate o discusse frequentemente da parte degli esperti. Ed allora vediamo insieme cosa significa “volatilità” e cerchiamo anche come la dobbiamo utilizzare in caso di investimenti finanziari.
 

Il significato di volatilità del mercato
 

In generale si intende come volatilità la variazione dei prezzi nel tempo di un dato “asset finanziario”. In pratica quando il mercato mostra, in un periodo di tempo limitato, delle grandi oscillazioni si ha una volatilità maggiore. La volatilità è di due tipi, quella storica e quella implicita; la prima definizione consiste nello stimare la “volatilità” di uno tra gli strumenti finanziari disponibili sul mercato prendendo come base ed osservando con attenzione le variazioni che si sono verificate nei periodi che hanno preceduto quello nel quale si effettua la stima. L’ipotesi sulla quale si basa questa metodologia di stima sostiene che nel mercato finanziario la volatilità si ripresenta sempre con valori simili a quelli già visti in passato. Per quanto riguarda invece la volatilità implicita i ragionamenti per determinarla sono basati sui prezzi di mercato delle “opzioni sul medesimo sottostante”. Una metodologia che si basa su un concetto come quello dell’efficienza del mercato.
 

Gli orizzonti temporali della volatilità
 

Quando si studia la volatilità dei vari strumenti finanziari si prende sempre come riferimento un arco temporale ben definito; i trader prima di tutto studiano la volatilità di un asset su base giornaliera, settimanale e mensile. Il calcolo della volatilità giornaliera è quello più semplice e viene effettuato con la differenza tra il prezzo minimo giornaliero dell’asset e quello massimo. La stima legata ad un unico valore però non riesce a dare un campione significativo dal punto di vista statistico e quindi per una valutazione più precisa si prendono in esame i valori giornalieri della volatilità per almeno 14 giorni consecutivi di trading. Un indicatore che ha una eccellente precisione per questo tipo di metodologia è l’ATR (Average True Range) che effettua il calcolo proprio su 14 sessioni giornaliere di trading. Un altro metodo usato per la determinazione della volatilità è quello che si avvale della deviazione standard, una misura statistica intesa come scostamento del prezzo di un asset dai valori medi di una serie storica.
 

Il grado di volatilità e la stima delle fluttuazioni future
 

Grazie al grado di volatilità, i trader dunque possono effettuare una stima futura delle fluttuazioni di prezzo di un asset finanziario, che dovrebbero avvenire in un periodo temporale preso come riferimento. I mercati finanziari presentano dei gradi di volatilità diversi, secondo la composizione dei vari asset. Una delle situazioni da tenere sempre presente è che la volatilità delle singole azioni di una società, normalmente sarà maggiore rispetto a quella dell’indice azionario dell’intera società che ha emesso le singole azioni. A far variare la volatilità contribuiscono anche degli eventi che accadono del tempo, partendo da quelli politici, come avviene in caso di elezioni o di cadute di governi, oppure macroeconomici, o come accaduto di recente, a causa della pandemia. Questi eventi non hanno quindi un arco temporale definito ma possono accadere in tutto l’arco dell’anno. Generalmente un mercato finanziario caratterizzato da un'alta volatilità ha sempre una corrispondenza con alti volumi di trading, che si abbinano però anche ad alti gradi di rischio.
 

La volatilità nelle Slot Machine
 

Anche quando si parla di slot machine bisogna tener conto della volatilità. La volatilità delle slot machine indica il livello di rischio della slot, ma lo stesso parametro viene utilizzato anche per molte altre tipologie di giochi d'azzardo. Molti giocatori d’azzardo appassionati di slot machine vanno a verificare il dato della volatilità di ogni singola slot prima di scegliere con quale giocare.
 

Visto che la volatilità definisce il rapporto tra il numero di volte in cui si devono far girare i rulli e le volte in cui si ottiene una vincita, è facile intuire che una volatilità una minore volatilità darà ai giocatori più possibilità di vincere, ma al tempo stesso una volatilità più bassa porterà a delle singole vincite più alte.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >