Domenica 18 Aprile19:16:36
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Sconti Tari per persone in difficoltà, comune di Rimini: "Copriremo tutte le domande"

Pronta una variazione al bilancio con 33.000 euro per aumentare il fondo di contributi

Attualità Rimini | 14:12 - 31 Marzo 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Si aprirà il 12 aprile, a Rimini, il periodo di raccolta domande per il riconoscimento delle riduzioni Tari a favore delle categorie più deboli. "Un'azione di supporto alle famiglie, che consente di accedere ad una riduzione pari al 90% sull'importo a debito Tari per l'anno 2021, scontato direttamente in bolletta", spiega l'amministrazione comunale, ricordando che si tratta di un intervento già attivo da anni, "ma rafforzato alla luce delle conseguenze economiche della pandemia e che si traduce in un investimento di 245mila euro, già incrementato di 60mila euro rispetto al bando di due anni fa e che sarà potenziato con ulteriori 33mila euro attraverso la prossima variazione di bilancio". Con questo stanziamento, palazzo Garampi vuole garantire una copertura totale della domanda.  

Con il precedente bando sono state 1.338 le richieste arrivate agli uffici del Comune, 159 in più rispetto allo scorso anno. Grazie alle maggiori risorse messe a disposizione è stato possibile accogliere 1.198 domande, 213 in più dell'anno precedente, coprendo oltre il 94% delle richieste presentate (per il 2020 la percentuale era del 90%). Per le riduzioni Tari 2022, grazie ai fondi aggiuntivi che saranno stanziati nella prossima variazione di bilancio, l'amministrazione comunale di Rimini prevede di soddisfare il 100% delle domande.  

Nel contempo, nell'ultima seduta, la Giunta comunale ha approvato i criteri per la definizione dei beneficiari delle riduzioni, oggetto di una concertazione con i sindacati di categoria: pensionati ultrasessantenni oppure invalidi dal 74% in su (senza limite di età) con un valore ISEE fino ad euro 13.000, purché siano soli, oppure con coniuge pensionato, o infine con a carico minori di 16 anni; nuclei famigliari con un valore Isee fino a euro 9.000, i cui redditi da lavoro derivino da esclusivo lavoro dipendente o i cui componenti siano nella condizione di disoccupazione; nuclei famigliari con lavoratori disoccupati a causa di licenziamento per giustificato motivo oggettivo, o titolari di co.co.co non rinnovate, lavoratori collocati in cassa integrazione guadagni o sospesi o interessati da una riduzione dell'orario, pari almeno al 50% del limite contrattuale individuale. In quest'ultimo caso il valore Isee deve essere fino a 25.000 euro. 

Per agevolare le procedure del bando anche alla luce delle restrizioni legate all'emergenza sanitaria, gli utenti idonei nella graduatoria dei rimborsi Tari per l'anno 2020 saranno ammessi di diritto alla selezione del bando 2020, senza necessità di presentare nuova domanda, ma con obbligo di aggiornare il proprio valore Isee alla annualità in corso. Rimane ferma la possibilità per i nuovi utenti di presentare domanda nei modi che saranno indicati a bando.  "Si tratta di uno sforzo importantecommenta il vicesindaco Gloria Lisima necessario a fronte del perdurare di una pandemia che ha conseguenze importanti sui bilanci delle famiglie maggiormente in difficoltà e più esposte. Per questo motivo abbiamo ritenuto importante aumentare la dotazione del fondo, dando un aiuto concreto ad oltre 1.300 famiglie della nostra città". 

 

< Articolo precedente Articolo successivo >