Luned́ 12 Aprile04:25:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Presi due giovani criminali che hanno terrorizzato Cattolica tra rapine e droga

Il raid in una tabaccheria e al Conad Macanno, il bottino era di alcune migliaia di euro

Cronaca Riccione | 10:11 - 30 Marzo 2021 Arresto dei Carabinieri, foto di repertorio Arresto dei Carabinieri, foto di repertorio.

Due giovani residenti a Cattolica, noti pregiudicati, sono finiti in manette per fatti di cronaca successi nel 2020. I due, un 21enne e in 23enne, sono già in carcere a Rimini e Piacenza per altri reati. Le indagini dei Carabinieri di Riccione hanno potuto appurare le responsabilità dei ragazzi. Il 21enne, il 10 gennaio 2020, con il volto coperto e una spranga di ferro in mano, aveva sfondato la porta di una tabaccheria in via Toscana in orario di chiusura. La reazione della titolare era stata immediata e il giovane era riuscito a prendere solo la borsa della donna, con all’intero 50 euro. Nella rocambolesca fuga aveva perso il berretto, che è stato poi utile per la sua identificazione. Il 4 maggio 2020 assieme ad un complice, aveva rapinato il Conad Macanno, armato di pistola a salve. Il bottino era di alcune migliaia di euro. Le indagini hanno permesso di raccogliere prove sufficienti per incastrare il 21enne che, già in carcere, vedrà allungarsi la sua permanenza in cella.
Durante le indagini  è emerso che il giovane aveva partecipato ad altri episodi criminali. Il 23enne è stato arrestato perché ritenuto il “titolare” di una autonoma attività di spaccio. Dagli elementi raccolti, infatti , sono stati ricostruiti alcuni episodi di spaccio di cocaina per un totale di circa 4 gr. Il giovane si trova già in carcere a Piacenza.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >