Mercoledý 21 Aprile19:47:02
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

"Lockdown anomalo, fateci riaprire": nuovo appello dei negozi di abbigliamento

Mirco Pari, direttore Confesercenti Rimini: "regole uniformi per tutti"

Attualità Rimini | 13:35 - 26 Marzo 2021 Foto di repertorio Foto di repertorio.


Anche Mirco Pari, direttore Confesercenti Rimini, chiede la riapertura dei negozi di abbigliamento e di calzature, definendo "anomalo il lockdown" attuale, con le auto che continuano a circolare, mentre "la gente va in giro e vengono varate deroghe per una serie di attività". Pari chiede regole uniformi: "Guardandoci intorno non comprendiamo come non si possa consentire ai negozi di abbigliamento, calzature e accessori di poter effettuare la vendita, nel pieno rispetto delle norme igienico-sanitarie e contingentando gli accessi in funzione delle superfici. Questo settore, insieme a bar e ristoranti, è quello che oggi sta pagando un prezzo altissimo". Settore che chiede le riaperture, ancor prima dei ristori (definiti comunque tardivi e insufficienti), e che rischia "una crisi irreversibile" tra cali di fatturato (sopra il 45% nel corso del 2020) e la concorrenza dell'online che continua a fare grandi affari, con un +31% di vendite nel 2020. 

 

< Articolo precedente Articolo successivo >