Venerd́ 23 Aprile00:26:31
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Stadio del Nuoto, Polisportiva furiosa: "stanchi di essere presi in giro dal sindaco"

Duro attacco al primo cittadino Tosi: "comportamento vessatorio e strumentale"

Attualità Riccione | 13:35 - 18 Marzo 2021 Entrata laterale dello stadio del nuoto di Riccione Entrata laterale dello stadio del nuoto di Riccione.


Sembrava sulla via delle definizione la querelle tra l'amministrazione comunale di Riccione e la dirigenza della Polisportiva comunale, sorta per il blocco del contributo dovuto dal comune e giustificato dalla giunta Tosi con la necessità di avere chiarezza sul bilancio della Polisportiva. Con l'invio della documentazione in comune ("Pur non risiedendo nessun obbligo a presentare tali atti all’amministrazione comunale, né all’interno del contratto di gestione dello Stadio del Nuoto, né in base alla normativa vigente", aveva precisato la Polisportiva) si sembrava giunti all'epilogo della vicenda. Invece le parole del sindaco Tosi ("La Polisportiva è giunta a miti consigli") ha riacceso lo scontro. Oggi (giovedì 18 marzo) la dirigenza della Polisportiva in una nota si dice "stanca di essere pressa in giro dal sindaco" e che il comune di Riccione "non ha ragione in merito al comportamento vessatorio e strumentale che sta tenendo"

La dirigenza parla di "danno ingentissimo, economico e di immagine", del quale il sindaco Tosi dovrà rispondere nelle sedi deputate, dimostrando "come e quando la Polisportiva ha operato nell'illegalità", "come da lei più volte dichiarato o fatto strumentalmente intendere all'opinione pubblica". La Polisportiva evidenzia quindi un atteggiamento di persecuzione ("vorremmo sapere se a tutte le società sportive in rapporto concessorio con il Comune di Riccione e che percepiscono contributi pubblici siano stati chiesti i bilanci certificati da un revisore e che tipo di controlli il Comune medesimo abbia attuato nei loro confronti") e chiede un intervento del responsabile unico del procedimento, Cinzia Farinelli, "per norma l'unico a dover interloquire con il concessionario", che secodo quanto riferisce la Polisportiva non ha mai risposto alle comunicazioni inviatele. 

 

< Articolo precedente Articolo successivo >