Sabato 17 Aprile08:07:49
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

A Gemmano saranno installate colonnine di ricarica dei veicoli elettrici

Nel parcheggio del centro storico e alle Grotte di Onferno

Attualità Gemmano | 20:30 - 14 Marzo 2021 Colonnine di ricarica auto elettriche Be Charge, foto di repertorio Colonnine di ricarica auto elettriche Be Charge, foto di repertorio.

La Giunta comunale di Gemmano ha approvato il Protocollo d’intesa per la realizzazione di una rete di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici. Una delle principali cause dell’inquinamento è legato alle emissioni in atmosfera dei veicoli a combustione interna, perciò lo sviluppo della mobilità elettrica è un fattore fondamentale per migliorare la qualità dell’ambiente e la riduzione dell’inquinamento atmosferico. A partire dal 2010 la Commissione Europea ha sollecitato gli Stati Membri ad adottare politiche volte a diffondere la mobilità elettrica al fine di ridurre l’inquinamento atmosferico, tutelare la salute dei cittadini e migliorare l’ambiente circostante. Il presupposto fondamentale per lo sviluppo della mobilità elettrica è la costruzione di una rete di infrastrutture di ricarica per veicoli elettrici diffusa sul territorio.

Il Comune di Gemmano, nel quadro delle azioni positive per la lotta contro i cambiamenti climatici e contro l’inquinamento, ha espresso il suo interesse per l’installazione di sistemi di ricarica per veicoli elettrici in determinate aree strategiche del proprio territorio comunale. La Be Carghe srl, che ricopre il ruolo di E-Mobility Provider (EMP) e Charging Point Operator (CPO), ha risposto proponendo all’Amministrazione Comunale di dotare il territorio di infrastrutture di ricarica senza oneri a carico della collettività. Al che il Comune, avvalendosi delle semplificazioni offerte ad hoc dalle norme di legge vigenti, ha accordato l’installazione di due stalli di ricarica: uno nel parcheggio di Via Don A. Mariotti, (nelle vicinanze della “Casina dell’acqua” e l’altro nel parcheggio delle Grotte di Onferno, antistante il Museo Multimediale.
 

< Articolo precedente Articolo successivo >