Sabato 17 Aprile07:47:20
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La Romagna perde il re del liscio: è morto Raoul Casadei

Era ricoverato per covid all’ospedale ‘Bufalini’ di Cesena, aveva 83 anni

Attualità Nazionale | 12:19 - 13 Marzo 2021 La Romagna perde il re del liscio: è morto Raoul Casadei

Ci lascia il re del liscio, Raoul Casadei, come riporta il quotidiano La Stampa, non ce l’ha fatta a vincere la sua battaglia contro il Covid. Dal 2 marzo scorso era ricoverato all'ospedale Bufalini di Cesena dopo aver contratto il coronavirus. Oltre a lui erano stati contagiati anche gli altri familiari della «dinastia» romagnola. Aveva 83 anni.

Raoul viveva con la moglie Pina ei figli al “recinto” di Villamarina di Cesenatico insieme ai figli Carolina e ai nipoti.

IL CORDOGLIO DELLA REGIONE  "E’ veramente con grande tristezza che apprendo della scomparsa di Raoul Casadei. Con lui se ne va uno straordinario personaggio, un compositore che con grande professionalità ha portato in Italia e nel mondo un messaggio musicale profondamente radicato nella tradizione, legato all’allegria e alla voglia di vivere fino a diventare uno dei simboli, un ambasciatore della sua e nostra terra”.

IL CORDOGLIO DEL SINDACO DI RIMINI GNASSI "Raoul Casadei, con la sua storia italiana di musica che aveva ed ha dentro il cuore romagnolo, è stato quel sorriso che, quando dici Romagna, a chiunque viene spontaneo. Era una persona solida con al centro la famiglia, l’amore per la sua terra, la passione per il lavoro, la generosità che non risparmiava per la sua Romagna e per la nostra regione, donando e offrendo il suo talento".

IL RICORDO DEL SINDACO DI SANTARCANGELO PARMA "Raoul era un Maestro della musica, un alfiere della Romagna e un grande amico di Santarcangelo, dove nel 2017 aveva voluto festeggiare i suoi 80 anni con una serata memorabile. Ricordo come se fosse ieri piazza Ganganelli gremita di persone, un’immagine che oggi fa doppiamente male nel giorno in cui diamo l’addio a Raoul e dopo oltre un anno di pandemia, in cui non abbiamo potuto vivere insieme le piazze e tutti gli altri luoghi della cultura. Per me Raoul Casadei rappresentava questo: l’allegria e la voglia di stare insieme, il fascino del ballo e la passione per la musica, alla quale ha dedicato la sua vita. Tutto questo, da oggi, è un po’ più lontano"

IL CORDOGLIO DEL SINDACO DI RICCIONE TOSI Ciao Raoul, con te la Romagna perde la propria colonna sonora. Riccione ti ricorderà nelle proprie serate estive nella balera Verde Mare dedicata ai nostri nonni porterà nuovamente in auge il ballo liscio e necessariamente i tuoi grandi successi".

LE PAROLE DI GIANNI INDINO, PRESIDENTE SILB E-R "Raoul con la sua musica, con il suo genere e la sua figura, ha contribuito a fare diventare grandi e popolari i locali da ballo. Ci lascia un pioniere che ha fatto scuola, facendo conoscere e apprezzare la Romagna nel mondo e facendo divertire e ballare milioni di persone".

 

< Articolo precedente Articolo successivo >