Mercoledý 14 Aprile03:37:23
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

La grande pallavolo torna a Rimini con le finali di Coppa Italia femminile

Le gare si disputeranno all'Rds Stadium sabato 13 e domenica 14 marzo

Sport Rimini | 15:34 - 12 Marzo 2021 La ragazze della Imoco Volley Conegliano (foto dalla pagina Facebook) La ragazze della Imoco Volley Conegliano (foto dalla pagina Facebook).

Sono state presentate nella mattinata di oggi (venerdì 12 marzo), in video conferenza, le Finali Coppa Italia Frecciarossa, la manifestazione organizzata da Lega Pallavolo Serie A Femminile e Master Group Sport che si terrà sabato 13 e domenica 14 marzo all'RDS Stadium di Rimini e che assegnerà la 43^ Coppa Italia di Serie A1 e la 24^ Coppa Italia di Serie A2.

Lo studio di #LVFVolley24, ricavato all'interno del palazzetto riminese e dal quale si irradieranno 72 ore di contenuti esclusivi fino alla chiusura dell'evento, ha accolto virtualmente istituzioni, dirigenti, giornalisti, atlete e allenatori.  "Abbiamo ancora negli occhi la splendida manifestazione di qualche anno fa, con l'RDS Stadium completamente esaurito e vibrazioni che oggi purtroppo non potremo vivere - afferma Gianluca Brasini, Assessore allo Sport del Comune di Rimini -. Da buoni romagnoli, nella difficoltà vogliamo dare un segnale forte di continuità e con la Sport Commission della Regione abbiamo cercato e tuttora cerchiamo di intercettare il maggior numero di eventi di grande impatto mediatico, come saranno le Finali di Coppa Italia. Non posso che augurarmi che lo sport, sia quello di altissimo livello che quello di base, possa presto riprendere nella sua normalità. Abbiamo bisogno tutti di ripartire, in sicurezza, ma il prima possibile".  

Tra gli ospiti della conferenza stampa di presentazione anche Lara Lugli, la pallavolista che nell'ultima settimana è stata protagonista di un caso mediatico che ha riportato a galla la questione delle tutele a favore delle atlete donne e del diritto alla maternità: "Non mi aspettavo che la mia storia destasse un tale clamore a livello nazionale e internazionale - le sue parole -. Si è scoperchiato il vaso di Pandora ed è giunto il momento di fare qualcosa per colmare questa lacuna. Sono contenta di aver ricevuto il supporto di atleti, Società, associazioni, perché spesso quando si entra in battaglia non si sa chi si avrà al proprio fianco. Far valere i propri diritti nei campionati dilettantistici è spesso assai complicato, ancor più per noi donne. Mi auguro che la mia vicenda possa portare a una svolta e a garanzie per tutte le atlete". 

La prima semifinale di A1, sabato alle ore 18.00, vedrà di fronte la detentrice del titolo Imoco Volley Conegliano e la Saugella Monza. La seconda semifinale, sabato alle 20.30, opporrà Igor Gorgonzola Novara e Reale Mutua Fenera Chieri.

Prima della finalissima di domenica, si disputerà la finale della Coppa Italia di Serie A2 tra CBF Balducci HR Macerata e LPM BAM Mondovì. Le marchigiane hanno ottenuto l'accesso all'ultimo atto della competizione senza disputare la semifinale, a causa della rinuncia da parte della Megabox Vallefoglia, colpita nelle ultime ore da casi di positività al Covid-19.

LA COPERTURA MEDIATICA Le Finali di Coppa Italia Frecciarossa si potranno vivere sin da oggi su #LVFVolley24, il canale lineare della Lega Pallavolo Serie A Femminile che racconterà tutte le emozioni della manifestazione riminese, in onda 24 ore su 24 su lvftv.com e sul canale ufficiale Youtube.

I match di Serie A1 delle Finali di Coppa Italia Frecciarossa saranno trasmessi in diretta su Rai Sport + HD, in chiaro e in alta definizione sul canale 57 del digitale terrestre con il commento di Marco Fantasia e Giulia Pisani. 

La Finale della 23^ Coppa Italia di Serie A2 sarà invece trasmessa in diretta e in chiaro su SportMediaset.it e sulla pagina Facebook di Sportmediaset domenica 14 marzo alle 14.30. 

Le gare saranno infine trasmesse da LVF TV, la web-tv ufficiale della Lega Pallavolo Serie A Femminile (in diretta la finale di A2, in modalità on demand le semifinali e la finale di A1) con la telecronaca di Piero Giannico e il commento tecnico di Manuela Benelli e Paola Paggi.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >