Venerd́ 03 Dicembre19:02:09
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Riccione lancia l'idea della 'bolla turistica' per salvare la Pasqua

Ispirata alla bolla sportiva: tampone nelle precedenti 72 ore per uscire dai confini regionali per turismo

Attualità Riccione | 15:29 - 10 Marzo 2021 Viale Ceccarini di Riccione Viale Ceccarini di Riccione.

Il presidente della Federalberghi Riccione Bruno Bianchini ha scritto al ministro del turismo Massimo Garavaglia, lanciando la proposta della "bolla turistica", ispirata alla bolla applicata al mondo dello sport e del calcio. In considerazione che i limiti di mobilità da una regione all'altra sono destinati a rimanere in vigore anche dopo Pasqua, Federalberghi Riccione chiede "una soluzione per salvare la stagione primaverile e avviare l'attività del comparto turistico": la possibilità di uscire dalla propria regione, previo tampone molecolare nelle 72 ore precedenti. "Siamo certi, per esempio, che per i gruppi di sportivi amatori non sarebbe un problema sottoporsi al tampone; restano dei dubbi sui clienti privati, ma in effetti in primavera è molto maggiore il numero degli sportivi (triatleti, nuotatori, cicloturisti)", rileva Bianchini. Per poter soggiornare in hotel, il cliente dovrebbe poi mostrare il report del tampone, con esito negativo, oppure dare prova della vaccinazione. "Si tratta peraltro di una misura già adottata per permettere agli autisti il passaggio al confine con l’Austria, perciò si può ipotizzare di estenderla ai confini di regione", chiosa Bianchini.


 

< Articolo precedente Articolo successivo >