Sabato 17 Aprile09:05:10
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Scuole chiuse, ma a Coriano si continua a lavorare anche per la prevenzione al bullismo

Un cordone d'aiuto per le famiglie. Lunedì 8 marzo un incontro tra il sindaco Spinelli e i dirigenti scolastici

Attualità Coriano | 18:46 - 09 Marzo 2021 Scuole chiuse, ma a Coriano si continua a lavorare anche per la prevenzione al bullismo


Si è tenuto ieri (lunedì 8 marzo) a Coriano l'incontro tra i rappresentanti dell'amministrazione comunale, le dirigenti scolastiche Fabiola Mazzei e Barbara Cappellini, i presidenti dei Consigli d'Istituto Jessica Busignani e Pasana Di Bella, allo scopo di fare il punto sul primo giorno di scuola in zona rossa e sulla didattica a distanza. "Il confronto è stato importante per valutare l'attuale assetto organizzativo, con l'impegno di modulare i servizi tempestivamente e tenendo conto delle esigenze che emergeranno nei prossimi giorni", spiega una nota dell'amministrazione comunale.

Le attività scolastiche in presenza sono permesse solo per i ragazzi disabili e con bes (bisogni educativi speciali). Attualmente sono 28 questi bambini (16 ad IC Coriano e 12 ad IC Ospedaletto).  "Considerato il numero di bambini certificati gravi presenti nelle nostre scuole e il numero del personale scolastico necessario per garantire il corretto e sicuro svolgimento delle attività in presenza, le scuole, dopo accurati approfondimenti con le famiglie interessate, hanno valutato sia possibilità organizzative sia reali necessità di offerta di momenti in presenza di alcuni alunni tutelati dalla legge 104/'92. Anche i bambini più fragili che non sono in presenza sono seguiti costantemente e accuratamente a distanza dai docenti nel loro percorso di apprendimento", prosegue l'amministrazione comunale. 

Le famiglie della scuola materna possono segnare l'assenza del proprio figlio accedendo solo una volta sulla App della mensa e segnare l'assenza per tutto il periodo di chiusura delle scuole. Durante l'incontro l'assessore Beatrice Boschetti ha illustrato la proposta di progetto  dal nome "La Cultura del Rispetto" che vuole essere un sostegno ed uno stimolo alla tenuta sociale della nostra comunità. I temi proposti sono bullismo, utilizzo dei social, l'isolamento e i rapporti sociali.

All'incontro che si terrà la settimana prossima saranno invitati anche tutti i membri dei Consigli d'Istituto dei due istituti comprensivi per specificare e dettagliare insieme il programma degli incontri. L'amministrazione inizierà subito a prendere contatti con gli esperti e le forze dell'ordine che potranno essere coinvolti. "Ringraziamo tutti gli operatori della scuola per l'immane lavoro che stanno svolgendo in questo momento e i genitori che nonostante le attuali difficoltà stanno collaborando in maniera costruttiva con le istituzioni", evidenzia l'amministrazione, che, visto il costante aumento dei contagi, ricorda a tutti i cittadini il rispetto delle regole vigenti sia nei distanziamenti che nell'uso dei dispositivi di protezione individuale. L'appello dell'amministrazione e delle dirigenti scolastiche è rivolto a tutte le famiglie affinché vigilino sul comportamento dei propri figli al fine di tutelare la salute delle fasce più fragili della popolazione.

Il sindaco Domenica Spinelli commenta: "come sindaco quello che mi preoccupa in questo momento è la tenuta sociale della nostra comunità, ognuno di noi deve assumersi la responsabilità di tutelare i nostri figli, quindi solo un progetto condiviso che parli di rispetto e nasca dal rispetto reciproco potrà raggiungere i due obiettivi che ci siamo prefissati, riduzione delle conflittualità e superamento di qualsiasi forma di violenza".

 


 

< Articolo precedente Articolo successivo >