Mercoledý 14 Aprile04:29:25
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Calcio, l'Eccellenza ripartirà senza retrocessioni in Promozione. Lo ha deciso il Consiglio Federale

Nuova riunione il 10 marzo: sarà varato il nuovo format. Da decidere se sarà facoltativa la partecpazione

Sport Rimini | 14:41 - 05 Marzo 2021 Maggioli, Piscaglia e Andrea Tamagnini della Fya Riccione (foto Stefano Zavatta) Maggioli, Piscaglia e Andrea Tamagnini della Fya Riccione (foto Stefano Zavatta).

Il campionato di Eccellenza riparte. Dopo un’approfondita discussione in cui sono state valutate le diverse richieste pervenute dalla base, tenuto conto della posizione della LND e dell’evoluzione della pandemia, il Consiglio Federale ha condiviso la volontà di far ripartire i campionati di Eccellenza maschile e femminile di calcio a 11 e i campionati maschili e femminili di Serie C-C1 di calcio a 5.
Il Consiglio Federale ha dato delega al presidente federale, d’intesa con i vice presidenti, per assumere le conseguenti decisioni una volta recepite le indicazioni specifiche della LND sui format a valle della riunione del Consiglio Direttivo del prossimo 10 marzo. Il Consiglio ha ribadito che l’obiettivo principale resta sempre la tutela della salute di tutti gli addetti ai lavori.
Non ci saranno retrocessioni dall'Eccellenza verso il campionato di Promozione. Valore al merito sportivo, invece, per quanto riguarda le promozioni verso l'Interregionale, quindi la Serie D. “Valuteremo anche in base al decreto ristori che tipo di intervento possiamo dare alle società di Eccellenza che decideranno di riprendere la loro attività" ha detto il presidente Figc Gabriele Gravina.

La LND ha avuto ufficialmente il mandato per riorganizzare i campionati mentre sui tempi e i modi della ripartenza si dovrà attendere un nuovo consiglio federale fissato al prossimo 10 marzo. E' certo che non  ci saranno retrocessioni in Promozione. Sarà la Lega Nazionale Dilettanti assieme ai comitati regionali ad organizzare un nuovo format e dunque è tutto da definire se la partecipazione delle società sarà obbligatoria, magari schierando la squadra Juniores, o meno in presenza di problematiche di natura economica.

Al momento il protocollo sanitario sarà quello della Serie D con possibilità di inserimento dei nuovi test di terza generazione. Via libera al sostegno economico previe le solite verifiche dal punto di vista burocratico. La stagione si chiuderà il 30 giugno con possibilità già acconsentita in passato di sforare di qualche giorno.


 

< Articolo precedente Articolo successivo >