Sabato 17 Aprile09:01:08
Android
 | 
iOs
 | 
Mobile

Covid vaccini: San Marino punta a finire campagna entro l'estate 

Nella prossima settimana saranno immunizzati il personale sanitario e gli over 85

Attualità Repubblica San Marino | 14:42 - 03 Marzo 2021 Il direttore sanitario dell'ospedale di Stato di San Marino Sergio Rabini e Stefania Stefanelli (ISS) Il direttore sanitario dell'ospedale di Stato di San Marino Sergio Rabini e Stefania Stefanelli (ISS).

Mentre oggi (mercoledì 3 marzo) è atteso a Roma un incontro tra una delegazione sammarinese, tra cui il segretario di Stato al Lavoro, Teodoro Lonfernini, e il leader della Lega, Matteo Salvini, a proposito di vaccini, l'Istituto per sanità e sicurezza sociale di San Marino (Iss) ha annunciato che per la prossima settimana i residenti in 'fascia 1' quindi personale sanitario e over 85 saranno tutti immunizzati.

La scorsa settimana sul Titano è iniziata la campagna di vaccinazioni con il siero russo Sputnik, somministrato principalmente al personale sanitario, mentre le dosi di Pfizer inviate da Roma, 1.170 in totale, sono state destinate in via prioritaria agli over 85. San Marino al momento ha la capacità di vaccinare circa 500 persone al giorno, che su una popolazione di 33.700 persone e un piano vaccinale che prevede l'immunizzazione di 25mila individui, quindi il 70% dei residenti, si potrà concludere entro l'estate. Forniture vaccinali permettendo.

Ad oggi San Marino attende una seconda fornitura di Sputnik per il richiamo di 7500 dosi, oltre a un migliaio di Pfizer dall'Italia come da accordo con il ministro Speranza per la prossima settimana. A scadenza settimanale Roma invierà 1170 dosi come pattuito a San Marino. Occhi puntati dall'Iss anche sul vaccino Johnson&Johnson che eventualmente dovrà fornire l'Italia sempre in base all'accordo. Quest'ultimo è in via di approvazione Ema, autorizzazione che lo Sputnik ancora non ha. "Abbiamo scelto lo Sputnik - ha detto il direttore sanitario Iss Sergio Rabini - perché gli studi dello Spallanzani ne rilevavano l'alta efficacia e perché veniva adottato in altri 40 Stati".

L'arrivo dello Sputnik a San Marino ha avuto anche la capacità di far schizzare le richieste dall'estero, ma al momento "si vaccinano solo i sammarinesi", lasciando fuori anche i circa 6000 frontalieri che ogni giorno da Marche e Romagna vanno a lavorare sul Titano.

 

< Articolo precedente Articolo successivo >